ESCLUSIVA: Intervista al neo-deputato Salvatore Micillo (M5S)

Immagine

 

Un saluto al neo-eletto deputato del MoVimento 5 Stelle On. Salvatore Micillo. Salvatore lei è molto attivo sul territorio a nord di Napoli. Ci parli brevemente delle sue attività nella zona.

Grazie Francesco, sei stato gentilissimo. Nasco come ambientalista prima di avvicinarmi al  MoVimento 5 Stelle. Provengo da Giugliano in Campania (Napoli) che è la capitale della monnezza, dove ci sono 75 discariche, ovviamente non tutte a norma, e mi sono avvicinato al MoVimento tramite le comuni idee in tema di ecologismo e di gestione dei rifiuti. La nostra idea è di usare materiali solamente riciclabili usando un ciclo di riduzione dei rifiuti, riciclo di questi e riuso dei prodotti riciclati. Abbiamo lottato e lottiamo contro gli inceneritori che sono pesantemente inquinanti e nella mia zona ci sono centinaia di persone che soffrono e muoiono di tumore.

Passiamo ora tema clou e ovvio di questa intervista e di questo periodo: le elezioni appena concluse. In queste elezioni il MoVimento 5 Stelle ha fatto il botto, come si suol dire, raggiungendo un grandissimo risultato con il suo 25%, diventando primo Movimento/Partito del Paese. Se lo aspettava? Cosa c’è alla base di questo, secondo lei?

Nella guerra fredda c’erano le cartine con i blocchi di influenza, ma non erano realistiche perché non rispettavano le reali influenze, il reale peso delle super potenze sugli altri stati. Così i sondaggi erano creati per non includerci nel sistema per stimolare il voto utile sottovalutandoci. Il 25% è un risultato veramente inaspettato anche per noi, ma negli ultimi mesi abbiamo avuto un incremento della partecipazione drastica, dalle 20 persone che partecipavano alle nostre riunioni siamo arrivati anche a 150, ed è lì che abbiamo capito che stavamo crescendo e che potevamo ottenere un ottimo risultato. I gruppi spontaneamente nati sui territori dei vari comuni mi invitavano per farmi “interrogare” dagli elettori insieme agli altri candidati ed a queste riunioni mi meravigliavo dal gran numero di persone che c’era, gente che voleva capire e conoscere il progetto e questa stessa gente restava anche dopo queste riunioni, entusiasta del programma e delle nostre attività.

I giornali, in questi giorni, sono tutti un’alternarsi di critiche e di elogi verso il MoVimento. Ma tutti sono d’accordo di una cosa: il MoVimento sarà decisivo nelle scelte del prossimo governo, semmai verrà istituito. Come si comporterà il gruppo dei grillini nelle aule?

L’economia traballa a causa dell’instabilità delle urne ma non è colpa dei grillini. Non è il movimento a creare instabilità, sono destra e sinistra che non hanno ascoltato le nostre istanze per anni e anni. Noi faremo quello che succede in Sicilia con Sicilia, se ci sono proposte le voteremo in caso contrario le rigetteremo.

Alcuni analisti e opinionisti hanno sottolineato e fatto notare come la componente grillina che approderà in Parlamento presenta casi paradossali in cui i neo-parlamentari non si conoscono neanche. Questo, a detta di questi analisti, potrebbe portare a fasi instabili all’interno del gruppo, magari dissidenti, spaccature o casi di parlamentari che si avvicinano ai soggetti politici che siedono alla vostra destra e alla vostra sinistra. Lo ritiene possibile?

Nelle prossime settimane sono già programmate riunioni, prima a livello locale e regionale, e poi a livello nazionale per incontrarci e discuterne. Nel sistema parlamentare italiano non c’è vincolo di mandato, chi viene candidato nel MoVimento può fare quello che ritiene più giusto. Spero di no, metto la mano sul fuoco su tantissime persone e un tradimento di queste persone sarebbe una sconfitta per me che sono tra i fondatori del MoVimento in Campania. Ma sono persone, sono umani, e tutti potrebbero fuggire su altri lidi.

Le urne, come oramai è assodato, hanno consegnato un Paese senza una reale maggioranza e quindi in una situazione di ingovernabilità. Le possibili maggioranze sono solo due: o il Partito Democratico fa il grande inciucio con Berlusconi, oppure governo della maggioranza PD-SEL con appoggio esterno del MoVimento. Grillo ha detto che non concederà la fiducia a nessuno ma che valuterà provvedimento per provvedimento sul modello dell’ARS di Crocetta. Allora la domanda è semplice: come intendete superare lo scoglio costituzionale della fiducia per l’insediamento del governo?

C’è anche una terza ipotesi, in realtà: Bersani proponga il MoVimento al governo e ci voti la fiducia. E’ poco probabile ma è una possibilità, la fiducia ad un eventuale governo PD-SEL è una cosa con cui ragionare con tutti gli iscritti al blog, i tesserati e i nostri elettori e militanti che tanto hanno lavorato per lo Tsunami Tour, proprio come abbiamo sempre detto.

Però sul web girano notizie di comitati auto-organizzatisi per raccogliere le firme e votare la fiducia al Governo Bersani.

Non credo ci sia questa spaccatura nei nostri elettori e nella nostra base per andare al governo con Bersani. Gli elettori ci hanno votato per rompere gli inciuci e votare la fiducia a Bersani potrebbe essere autodistruttivo. Le firme di cui si parla sono opera di un ex pirata che non può parlare a nome del MoVimento. Ci saranno sicuramente parti del moVimento che vuole parlare con il PD, ma non sono assolutamente la maggioranza. In Campania nessuno ha chiesto una cosa del genere, per esempio. 

Altro tema importantissimo è l’elezione del Presidente della Repubblica. Beppe Grillo aveva proposto il nome di Dario Fo, il quale ha rifiutato perchè si ritiene vecchio. Fonti giornalistiche dicono che Grillo abbia poi incontrato Prodi e, le stesse fonti, dicono si stesse discutendo della sua elezione al Quirinale. E’ vero che volete proporre Romano Prodi al Quirinale?

Lasciamo stare Prodi, nulla è vero. Il Presidente della Repubblica che sarà votato in aula dal MoVimento sarà votato prima online, dove ognuno potrà fare proposte. Personalmente proporrò Salvatore Borsellino.

Anche dopo l’appoggio, almeno a metà, a Rivoluzione Civile?

Guardo alla persona e non m’interessa dell’appoggio dato a Rivoluzione Civile, anzi ci ha aiutato durante lo Tsunami Tour, ci ha scritto e ci ha sempre aiutato come noi abbiamo aiutato lui con le Agende Rosse. E’ un simbolo ed è un faro per questo Paese.

Come neo-deputato grillino lei è stato eletto nel collegio Campania-1. Cosa intende fare lei in prima persona nei suoi primi 100 giorni da parlamentare? Quali sono i suoi obbiettivi per questa legislatura?

Gli obbiettivi sono quelli espressi dal programma, riduzione costi politica, abrogazione rimborsi elettorali, limite dei due mandati. Molte persone si sono distaccate dalla politica proprio a causa della cattiva gestione di questi fondi dati alla politica e degli scandali che si sono succeduti.  La cittadinanza attiva si potrebbe rimettere in gioco e il MoVimento ha occupato quello spazio politico tra persone ed istituzioni con la propria linea pulita che rinnega i rimborsi elettorali e portando avanti una linea etica che riavvicina lo Stato alla gente.
Sul mio territorio c’è molta gente che muore  e soffre di tumore a causa dell’inquinamento criminale, dei roghi tossici e degli sversamenti illegali. Con la mia web-radio, Wrong, abbiamo intervistato vari magistrati ed esperti in tal senso cercando di aiutare quanto più possibile i cittadini. E’ uno scandalo infatti che il reato ambientale sia assente dal 1998. A titolo personale tengo molto a cuore questo problema e proporrò l’inasprimento delle pene per i crimini ambientali, parificandolo al reato di omicidio colposo: sversando rifiuti e inquinando la mia terra, non mi uccidi direttamente ma queste pratiche hanno delle conseguenze mortali per chi abita in queste terre.

Annunci

“Pigi hai spiazzato Beppe”

Io non credo che questo risultato elettorale se lo aspettasse qualcuno. Cioè credo che neanche Grillo e i suoi sostenitori, anche levando ogni scaramanzia dagli annunci pre-elettorali, potessero pensare di fare un risultato del genere e trovarsi, soprattutto in questa scomoda situazione.
In questo spiazzamento generale, non mi par vero, colui che sembra aver agito meglio e più tempestivamente è stato Pier Luigi Bersani, che ha chiuso subito e categoricamente ad un “governissimo” con Berlusconi e ha aperto in modo chiaro (almeno rispetto ai suoi standard) ad un dialogo con il Movimento 5 Stelle.
Nonostante il due di picche iniziale del comico alle richieste del PD, e nonostante i malumori rumorosi creatisi all’interno di quest’ultimo da parte di chi pensa che anche Bersani sia troppo di sinistra, mi sento di essere ottimista sulla riuscita di un tale tipo di accordo. Non tanto per la fiducia che ripongo in questi leader che è, per inciso, molto bassa, ma perchè ritengo che per quanto tafazziana la sinistra ha questa unica via percorribile e per farlo deve semplicemente proporre quelle riforme che i berluscones nel bene o nel male non gli hanno mai permesso di fare. E Grillo spiazzato dall’inaspettato risultato elettorale e dall’altrettanto inaspettata reazione di Bersani, si ritrova coinvolto con tutti i suoi “noob della politica”, nei giochi della formazione del prossimo governo, senza che sia prospettabile facilmente (o almeno lo si spera) la situazione per lui più ideale, ovvero l’inciucio allegro tra destra, sinistre e centro.
Di questo dobbiamo essere grati a Monti o meglio alla sua ininfluenza politica e numerica nella formazione di un governo di “centrosinistra allargato ai centristi”.

Pier Luigi Bersani

L’alternativa? Anche questa è una prospettiva spiazzante, ma sembra proprio essere la risposta, tardiva, di Grillo: un governo M5S sostenuto evidentemente dal centrosinistra e magari dal centrodestra. Ma veramente sarebbe conveniente per i grillini essere lanciati allo sbaraglio in una situazione ben più grande di quella che potevano immaginarsi quando, in un momento di follia si candidarono alle parlamentarie nel blog di Beppe Grillo?

Entrambe queste prospettazioni vi sembrano folli? Non più di un ennesimo governo tecnico, o di larghe intese, o di un ritorno immediato e inutile alle urne.

Utopia Sprawl

Immagine

Questa era l’illustrazione originale della Propagazione dell’Utopia, una carta di Magic: The Gathering che consentiva alle altre carte Foresta di generare più energia magica.

TRATTO DA UNA STORIA (POTENZIALMENTE) VERA.

27 Febbraio 2013: il Movimento 5 Stelle di Giuseppe Piero Grillo ha conquistato 108 seggi alla Camera dei Deputati e 54 seggi al Senato.
Dunque, la stampa fa placidamente sapere all’italico popolo che Grillo avrebbe “vinto” le elezioni.

Tra le promesse elettorali del Movimento, la cessione delle attività di Equitalia Spa, società pubblica incaricata della riscossione delle tasse e dei tributi allo Stato Italiano.

Su un popolare social network, i cittadini italiani esprimono il loro gaudio alla notizia che il Movimento 5 Stelle avrebbe già rinunciato a 100 Milioni di Euro di rimborsi elettorali.
Sotto campeggia una foto dell’imponente capitano con una frase stampata a posteriori, ma che sembra quasi essere emanata dalle sue mani: LO ZOO IN THE WORLD.
A cosa alluderà mai?

La prima a commentare è la signora Franca, che chiede al popolo del web:

“Ma di Equitalia, che ne sarà?”

Prontamente le risponde la comare Assunta:

“Che deve essere buttata nel gabinetto!

Ma la signora Franca si pone un interrogativo, e apre il proprio dubbio alla società virtuale:

“Mi è arrivato un bollo con gli interessi, che ne faccio?

Di qui in poi la nostra storia diverge dalla realtà e si addentra nella fantascienza.

La signora Franca non riceve risposta entro 2 ore; dunque, spegne il computer e prende una decisione: giacché Grillo ha vinto le elezioni, e Grillo ha promesso che farà chiudere Equitalia, allora lei non si darà pena, per pagare il suo bollo.

Se avesse aspettato ancora un giorno, la signora Giorgia le avrebbe detto una grande verità, ovverosia che:

“Grillo non fa i miracoli, se hai il bollo da pagare in ritardo dovevi pagarlo.

Ma la nostra storia ci impone che, sfortunatamente, questo consiglio non sia stato accolto.
Il giorno dopo, la signora Franca va dal parrucchiere, dove incontra l’amica Tiziana…

Tiziana: “Eh, chissà che bolletta arriva con tutti questi phon attaccati contemporaneamente tutto il giorno; poi col prezzo dell’elettricità di oggi…”
Franca:  “No, io penso di no.
Tiziana: “Perché no? A me arriva una bolletta che ci dissangua, ogni volta. Sai, i videogiochi, i computer, poi uno pare che la lavatrice non la deve usare ma se no che fai, li mandi sporchi i bimbi a scuola?”
Franca: “Ma guarda che le tasse le puoi anche non pagare oramai.”
Tiziana: “Ma non t’attaccano?”
Franca: “Si ma vabbè ora Grillo ci leva Equitalia, quindi se non c’hai i soldi puoi anche non pagarle le tasse; ci levano gli aguzzini che si accaniscono sui poveri, quindi fai tu…

Tre giorni dopo, l’impiegato Mario Rossi sta discutendo col collega Luigi Verdi:

Mario: “oh Giggin, lo sai che mi fa ieri mia moglie Tiziana? Siamo a letto e mi dice: Mario, ma se per una volta le bollette non le paghiamo? Così ci permettiamo una vacanza in Francia.”
Luigi: “Eh, davvero, io le tasse le pago sempre ma questo Monti mi ha fatto venire l’acqua nel sangue…”
Mario: “Senti, ma secondo te, ora che c’è Grillo, ce le levano un po’ di queste tasse? Cioè: ha detto che fa chiudere Equitalia, credo avere capito che comunque uno se proprio non ce la fa a pagarle, può chiedere tranquillamente un posticipo, senza dover incorrere negli interessi. Cioè: mi sembra pure giusto, la crisi la paghiamo noi!”
Luigi: “Massì, ma senti, guarda: che ora Grillo sistema tutto. Le tasse le fa pagare ai ricchi, ai politici…guarda: ti devo dare ragione. Equitalia dev’essere chiusa.”

Una settimana dopo, Caio Neri, diretto superiore del signor Mario Rossi, dice alla segretaria del reparto contabile:

“Ascolta: se arrivano le bollette per questo mese, tu archiaviale per un po’…stanno discutendo in Parlmento su delle cose, bisogna vedere…vediamo come si mettono le cose.

Sono passati due mesi dal 27 Settembre; il CEO della Belpaese SpA, azienda nazionale per cui lavorano i signori Rossi, Verdi e Neri, manda una nota al Consiglio d’Amministrazione:

…alla luce del sensibile incremento dei margini di profitto sugli incrementi di produzione e della progressiva espansione della domanda, consiglio caldamente la decisione di adottare una politica di flessibilità nei confronti della stretta fiscale dello Stato. Contiamo infatti nell’appoggio da parte delle forze parlamentari del nostro progetto per l’innovazione in diversi settori strategici…

Primi giorni di Dicembre 2013.
Il Ministro del Tesoro italiano, con decreto controfirmato, annuncia che a seguito dell’incremento esponenziale del fenomeno dell’evasione fiscale registrato dall’insediamento delle nuove Camere, che sembra attestarsi oramai attorno al 90% del gettito potenziale, lo Stato Italiano non si ritrova più capace di onorare i propri debiti.
L’Italia è dunque in default. Le Camere saranno sciolte di li a poco.

Gennaio 2015:
Nell’anno precendente, un pazzo ha sparato a Beppe Grillo, che è in coma.
È stato, comunque, un anno di lacrime e sangue, in cui l’Italia ha iniziato a sperimentare un forte embargo da parte degli ex alleati occidentali che ha rafforzato l’industria nazionale a scapito del benessere dei cittadini.
Ora, un nuovo governo guidato da Silvio Berlusconi ha condotto l’Italia ad una forma di vassallaggio nei confronti della Russia, che in cambio fornisce gli approvvigionamenti energetici.
La Borsa Italiana, inizialmente, è rapidamente crollata, ma dopo tre mesi è ripartita con tutti i sintomi di una probabile bolla speculativa.
Le tasse sono state fortemente ridimensionate, i consumi interni aumentano, la situazione economica del paese ricorda da lontano quella della Repubblica Iraniana.
Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Repubblica Ceca ed Ungheria hanno già dichiarato default.
Tuttavia, negli ultimi giorni di Gennaio scoppia la ribellione al Governo degli industriali. Un gruppo eversivo di sinistra, figlio degli ex grillini, fa scoppiare una rivolta a Palermo.
Pochi giorni dopo, terroristi assaltano il Parlamento ed uccidono una trentina di politici vari.
Violenze anche a Milano, Torino e Verona.
Il Governo affida la difesa delle istituzioni alla Belpaese SpA, dato che l’Italia non ha fondi sufficienti per un esercito nazionale stabile.
La vicenda scuote l’Europa. Parigi si solleva contro il presidente Hollande. Le Figaro porta alla luce uno scandalo: le casse del Tesoro Francese sono vuote. Il Presidente è costretto a dichiarare default.
L’economia mondiale si scopre in poco tempo largamente ridimensionata.
Le tensioni in Spagna, Portogallo, Belgio, Olanda, Grecia esplodono in violenze di piazza. La polizia non riesce a fermare i tumulti.

2016:
Nella Primavera del 2015, la situazione sembrava essere stata ristabilita. Tuttavia, i gruppi eversivi europei si sono riuniti sotto un unico simbolo e nel Settembre 2015 hanno iniziato un piano d’assalto sistematico che assume i contorni di una rivoluzione armata su scala europea.
I vertici dell’Unione Europea, nel summit di Gennaio, su proposta della Germania, organizzano le principali agenzie di ordine pubblico, oramai vere e proprie multinazionali quasi del tutto privatizzate, per porre argine alla violenza nelle strade e reprimere gli insorti.
La Corea del Nord, apparentemente accidentalmente, affonda una nave sudcoreana durante una esercitazione militare. Il Governo di Seoul manda un ultimatum: se il Leader dei comunisti non si dimetterà entro tre giorni, la Corea del Sud dichiarerà lo stato di guerra.
La Corea del Nord non risponde. Al secondo giorno, fanteria mobile meccanizzata cinese invade il confine coreano ed occupa le periferie della nazione.
Il Giappone dichiara prontamente guerra alla Cina. Gli Stati Uniti si schierano prontamente a difesa di Seoul, ma la Nato temporeggia, soprattutto a causa della mancanza di fondi da parte della Francia.
Dopo circa sei mesi, contingenti russi si muovono lungo il confine cinese. Un primo scontro avviene tra le due aviazioni. La Russia è in guerra contro la Cina. L’Iran, onorando i patti militari, dichiara guerra alla Russia ed agli Stati Uniti. Il Pakistan, con una nota, fa sapere che appoggerà il fronte mediorientale. L’India si schiera con l’asse Nippo-Russo-Statunitense.
Dopo un mese, Israele tenta un attacco aereo contro Teheran. La Turchia condanna ufficialmente Israele. L’Egitto e metà Nordafrica aprono un fronte di guerra contro le fortificazioni israeliane a Sud.

2017:
Lo sforzo bellico interno ed estero, come supporto alla NATO, costa caro alla Germania. A metà anno è costretta a dichiarare default. Regno Unito, Stati Uniti, Russia e Cina dichiarano la sospensione dei pagamenti di ogni debito. Tutta l’Europa, l’Africa ed il Sudamerica seguono a ruota. Gli ultimi, pochi, finanzieri rimasti, spostano i propri soldi a Singapore, Lussemburgo e Svizzera.
La guerra mondiale conosce una fase di stallo che alterna azioni militari, sempre più caratterizzate dall’uso di missili e bombe a grappolo, con dichiarazioni di minaccia dell’uso degli ordigni atomici.

Con un celebre discorso agli italiani, Caio Neri, Supervisore alla Logistica Generale della Belpaese SpA, fa sapere che l’impresa ha deciso che gli Italiani non possono rinunciare a fornire supporto all’alleato Russo durante questo conflitto.
Con una mozione votata alla quasi unanimità, il Consiglio degli Azionisti della Belpaese decreta lo Stato di Guerra; tuttavia, il rappresenante delle Corporazioni Pubbliche, Silvio Berlusconi, non si mostra in pubblico da due settimane e c’è chi lo vuole al sicuro in Sudamerica.

Ciò che nessuno sa che in questo preciso momento egli si nasconde in un bordello argentino gestito da alcuni amici veneti di vecchia data e da certi altri figli di immigrati.

Beppe Grillo si risveglia dal coma: annuncia di avere visto Dio e di aver comunicato con lui.
Chiede come prima cosa la fine delle ostilità, in un celebre “Discorso al Mondo” che si tiene in Piazza San Pietro, a Roma, col benestare del Pontefice, Giovanni Paolo III.

2018:
Viene formato un Comitato Internazionale per la Pace nel Mondo. Beppe Grillo è tra i suoi promotori assieme al Papa, al Dalai Lama, ed al fondatore di Wikipedia.
Nell’Estate di questo anno si intravede la possibilità di porre termine al conflitto.

2019:
La guerra si estingue da se perché i complessi militari-industriali, esortati dalle proteste pacifiche del Comitato, non eseguono più gli ordini dei Consigli di Amministrazione delle multinazionali militari. Vengono proclamati gli scioperi delle agenzie militari in tutto il mondo.

Dalle Ceneri dell’ONU sorge la Federazione delle Repubbliche del Pianeta Terra, che riunisce organicamente più di 150 Repubbliche democratiche ed accoglie come membri osservatori dell’Assemblea le principali monarchie del pianeta.
I manager delle multinazionali della guerra e tutti i vecchi gerarchi dei partiti vengono processati a Kalingrad. Silvio Berlusconi condannato all’ergastolo in Siberia.
Rimane storico il suicidio di D’Alema e Fassino, che ingoiano assieme capsule di cianuro.

Nel Natale 2019, i principali leader religiosi del pianeta tengono una funzione con cui viene onorificamente celebrato Giuseppe Piero Grillo, già nominato Presidente Federale delle Repubbliche del Pianeta Terra ad interim, come Presidente della Terra.

2021:
Gran parte degli Stati Nazionali sono stati aboliti. Solo alcune piccole in insignificanti dittature, come quella cubana o vietnamita, rimangono in piedi.
I principali servizi pubblici sono ora forniti da un nutrito gruppo di multinazionali coordinate dalla Federazione Terrestre.
Su scala globale, è vietata la sperimentazione animale, cosicché la medicina ha subito una profonda battuta d’arresto. Ogni forma di stupro e di attività sessuale non protetta è punita ovunque con la castrazione chimica. Sacerdoti, monaci e predicatori di ogni religione sono ora impiegati della Federazione con concorso pubblico. Il Pontefice Giovanni Paolo III è solo una figura onorifica, che si gode la sua lauta pensione.
Quasi ogni droga è legalizzata. L’assuefazione dalle droghe è un grave problema. La vecchia criminalità organizzata è rimasta nei bassifondi urbani sotto altre forme. Il mondo attraversa una nuova, differente fase di consumismo. Annualmente ai cittadini è imposta una tassa a somma fissa che è destinata alla retribuzione di un determinato numero di artisti di vario genere (nominati con concorso pubblico anchessi), valutati meramente in base al numero di coloro che usufruiscono (tramite sistemi P2P) dei loro prodotti intellettuali. Le stime sono ottenute tramite servizi di controllo sulla Rete Internet.
Ogni decisione è presa tramite un sistema elettorale basato anch’esso su tecnologie web.

Un movimento critico di liberi pensatori che si rifà parzialmente alla Scuola Filosofica Austriaca contesta lo stato delle cose. Chiede più controllo dell’individuo sui meccanismi elettorali, e dunque più trasparenza, ma la massa non è partecipe di queste riflessioni e non ne da importanza.
Al crescere dei movimenti di protesta contro lo stato delle cose, in un celebre discorso al Mondo Intero, il Presidente Beppe Grillo fa sapere che:

“Per garantire maggior sicurezza ed una durevole stabilità, la Repubblica verrà riorganizzata…”

Il buono, il brutto e il cattivo

Stallo alla messicana.
La situazione politica scatutrita dalle elezioni mi ricorda tremendamente una delle scene più famose de “Il buono, il brutto e il cattivo”, capolavoro di Sergio Leone.
Anzitutto, i protagonisti.
Agli occhi della maggior parte degli elettori abbiamo un “buono”, ovvero Giuseppe Piero Grillo detto Beppe, anima, voce e gran sacerdote del Movimento 5 Stelle, guru della lotta alla casta politica italiana e megafono dell’insofferenza degli italiani verso la classe dirigente.
C’è poi il “brutto”, Pierluigi Bersani da Bettola, l’uomo che, sempre alla maggioranza dei cittadini, è apparso troppo “brutto” per guidare da solo il paese, troppo scialbo, troppo rassicurante, troppo legato a cose che nell’italiano medio evocano solo una grande incazzatura (chiamiamo le cose con il loro nome), a partire dai baffi di D’Alema fino a quelli di Sposetti.
E infine il “cattivo”, quella figura oscura, inaffidabile, ma, purtroppo, ancora tremendamente affascinante che risponde al nome di Silvio Berlusconi; talmeIl_buono,_il_brutto,_il_cattivo_(Triello)nte oscuro che le persone durante i sondaggi e gli exit poll si rifiutano di dichiarare di averlo votato, gran seduttore dell’italiano di destra, mai veramente attratto dal montismo.
E proprio come i protagonisti del celebre western del ’66, i tre ora si ritrovano dinanzi ad un vero e proprio stallo alla messicana, ovvero quella situazione di “triello” in cui ognuno dei tre contendenti, pistola in mano, può uccidere ed essere ucciso.
Partiamo dal “brutto” Bersani; dopo una campagna decisamente sottotono e una mazzata elettorale inimmaginabile, ha finalmente fatto la mossa giusta: ha offerto ai 5Stelle la responsabilità di governo, una collaborazione seria sui reciproci programmi e la possibilità di “smacchiare” la classe politica (almeno, nella sua parte insana).
Ha quindi la possibilità di uccidere, ma ha anche una pistola carica pronta a rovinarlo: Grillo vuole l’alleanza tra pd e pdl, buona parte della sua dirigenza (si fanno i nomi di Letta, Veltroni, D’Alema..) lo stesso.
Se Bersani dovesse lasciarsi andare a queste pressioni, avremmo un governo a breve durata, incapace di fare riforme importanti come quella sul conflitto d’interessi, di cambiare la legge elettorale e di introdurre il reddito minimo garantito, al massimo tra 18 mesi avremmo nuove elezioni e, stavolta, il M5S avrebbe probabilmente la maggioranza sia alla Camera che al Senato.
Se il “brutto” piange, il “cattivo” non ride.
E’ vero, ha dimostrato che è indelebile (altro che smacchiare il giaguaro), ha dimostrato che il popolo di destra non vuole (almeno per ora) passare dal populismo al conservatorismo e, se riuscisse a riciclarsi ancora, come fatto durante questa campagna, potrebbe anche puntare di nuovo a Palazzo Chigi.
Ma, anche lui, ha una pistola carica puntata nella sua direzione: se centrosinistra e m5s dovessero veramente mettere in campo il “modello siciliano”, si potrebbe legiferare sul conflitto d’interessi, con conseguenze per il Cavaliere potenzialmente letali.
E infine il “buono”; Beppe Grillo sembra, agli occhi di tutti, il grande vincitore delle elezioni.
Ma, permettettemi l’azzardo, è il vincitore più infelice della storia repubblicana.
Nè lui nè Casaleggio si aspettavano un successo simile e, soprattutto, si aspettavano di essere decisivi per la formazione dell’esecutivo; potevano al massimo aspettarsi di prendere più voti del pdl, di prendersi una grossa fetta del Parlamento e di fare un’opposizione dura e pura contro il governissimo Bersani-Monti.
E invece, si ritrovano in mano il destino del Paese e, onestamente, sembrano non sapere bene cosa farci.
La cosa migliore per la salute del Movimento sarebbe l’opposizione ad un governo Bersani-Berlusconi-Monti, che porterebbe, come già detto, ad una probabilissima vittoria grillina alla prossima tornata elettorale.
La mossa di Bersani lo ha messo invece di fronte alla possibilità di dare una sterzata al paese, quella sterzata che molti dei suoi elettori aspettano da anni.
E lui, almeno per ora, sembra preferire un appoggio alle misure gradite al Movimento senza garantire la fiducia all’esecutivo.
Fa finta di scordarsi che, senza la fiducia del Senato (che potrebbe essere data o dai suoi o dal pdl) un esecutivo non potrà mai vedere la luce.
E, soprattutto, fa finta di non vedere che la sua base si è già spaccata (le percentuali le lascio a voi) tra “collaborazionisti” e “puristi”.
Qualsiasi sarà la decione di Grillo, quindi, il Movimento rischia un crollo di consensi, soprattutto se Bersani dovesse tener duro e rifiutare una qualsiasi collaborazione con Berlusconi.
In mezzo, pronta a prendersi i proiettili dei tre pistoleri, c’è l’Italia.

In fin di vita.

Messa in rime di ciò che deprime (a livello politico)

https://i2.wp.com/upload.wikimedia.org/wikipedia/it/f/f8/2_%E2%82%AC_Italia.jpg

Poesia in quartine sulle elezioni politiche italiane del 24-25 febbraio 2013 e sulle loro nefaste conseguenze.

Son finite le elezioni,
son finite le equazioni,
per calcolar tutti i seggi
che col Porcellum son più incasinati di certe leggi.

C’è chi ha votato il Cavalier dimezzato,
sperando che il dazio sulla sua casa venisse smezzato
o perchè assuefatto, visti i tempi tristi,
dalle favole sui pericolosi comunisti.

Chi ha votato l’ex comunista pelatone,
che soffre di grande afflizione,
avendo egli dimenticato un dettaglio fondamentale,
per vincer le elezioni bisogna far la campagna elettorale.

Chi ha votato il Grillo urlante,
quello del movimento dominante.
C’è da dir però che un politico incompetente,
non è detto sia un politico vincente.

C’è chi diede il voto al vecchio presidente,
che a quanto pare è perdente.
Il quale con la fissa di far quadrare i numeri,
si dimenticò dei poveri lavoratori diventati esuberi.

C’è Ingroia,
la cui dialettica ha portato alla noia.
Nonostante abbia un’ottima carriera,
non è apparso molto neanche sul Corsera.

D’altro canto c’è Giannino,
con le sue balle lo ha accellerato il suo declino,
un magro risultato
per ciò che doveva essere il centrodestra rinato.

Vi sono anche tanti altri partitini piccini che qui non starò a citare,
altrimenti vi verrebbe da vomitare.
Orsù rimbocchiamoci le maniche e continuiamo a lavorare,
o meglio a cercare un lavoro senza disperare.

Poichè, che siano due o tre le coalizioni,
se continuano con questi singolar tenzoni,
si aggraveranno solo le nostre pene
e da lì sarà un attimo a finir come Atene.

The day after tomorrow

4978843623_d946b11db2[1]The day after tomorrow, l’alba (meglio il tramonto, vista l’ora) del giorno dopo. Dopo lo sfogo di ieri sera, possiamo analizzare la cosa a bocce ferme, e per bocce intendo proprio quelle che mi fumano e girano da ieri.

In questo pezzo c’è la volontà di provare ad analizzare quello che è successo, analizzando i principali singoli schieramenti e la loro campagna elettorale che hanno portato alla situazione nota da ieri sera. Proveremo anche a dare una spiegazione, anche se l’impresa è assai più ardua.

Italia. Bene Comune

Partiamo con la grande delusione di questa tornata elettorale, la coalizione dei progressisti guidata da Pier Luigi Bersani. Come mai la coalizione stra-favorita non è riuscita a vincere? Come ha fatto la sinistra italiana, e il PD in particolare, a perdere di nuovo? A mio parere, la vicenda sta tutta nella campagna elettorale. Evitando di considerare l’errore di non tornare al voto un anno fa, quando Berlusconi era morto e Grillo era al 4%, la coalizione di centro sinistra ha sbagliato in due punti in particolar modo, ma non mi sento di essere troppo duro. Innanzitutto lo scarso lavoro di informazione: anche se l’elettorato tende a non leggere i programmi elettorali, purtroppo, la diffusione delle istanze dei progressiste è stato praticamente assente. Troppe poche persone conoscevano il programma della coalizione rispetto al lavoro comunicativo degli avversari che, non entrando nel merito delle proposte, hanno fatto il possibile e oltre per far conoscere le proprie proposte, preferendo discorsi più vaghi. Tutto questo può essere considerato come la diretta conseguenza del secondo motivo e cioè che il Partito Democratico ha scelto di fare una campagna elettorale totalmente in difesa. La scelta è rispettabile, visto che la coalizione è nata con un vantaggio di quasi 10 punti e fare promesse che non possono essere mantenute, nel momento in cui molto probabilmente si verrà chiamati a governare, è totalmente inutile oltre che deleterio, a lungo termine. In conclusione, quindi, ritengo che le colpe del PD siano pochissime visto che personalmente ho approvato la scelta di una campagna elettorale pacata e realista. Scelta che “moralmente” è stata ottima ma che politicamente ha portato ai risultati che abbiamo conosciuto ieri. Ultimo appunto è diretto a chi ritiene che con Renzi tutto poteva cambiare. Si, politicamente cambiava tutto, si passava da una strategia politica vera ad una visione della politica più televisiva come Berlusconi. Vincevamo ma poi?

Lista Monti

La più grande debacle, insieme a quella di Ingroia, è quella del professore e dei suoi alleati Fini e Casini. Le scelte impopolari, come qualcuno aveva previsto, sono pesate alle urne e ci sono andati di mezzo (Dio ti ringrazio!) anche i dinosauri della politica Fini e Casini. La debacle dei montiani ha visto un crollo inaspettato, visto che gli ultimi sondaggi pesavano la coalizione a circa il 12-13%. Il crollo ha ridisegnato tutta la geografia politica dell’Italia eliminando dalla scena politica italiana il centro e il terzo polo che negli ultimi anni troppo spesso avevano determinato le politiche e gli equilibri parlamentari. La campagna elettorale del professore è stata fiacca, e il suo aplomb e charme anglosassone non hanno colpito gli elettori.

MoVimento 5 Stelle

Tra i vincitori di queste elezioni ci sono sicuramente i grillini che raccolgono un sorprendente 25%. Devo dire la verità, sono stato estremamente sorpreso da questo risultato. Il MoVimento, analiticamente, ha ben poche risposte alle problematiche reali del Paese. I problemi del Paese non sono gli stipendi dei parlamentari, non è l’euro (anzi), non è mettere il Wi-Fi gratuito per tutti. Il problema dell’Italia è il lavoro, la stabilità economica. Ma tutti sappiamo che la fonte del consenso grillino è tutta nel voto di protesta. La campagna elettorale di Grillo è stata folkloristica come tutti si aspettavano: vaffanculo, urla, populismo. Però ha colpito lo stesso gli italiani, e tutti per lo stesso motivo: vogliamo parlamentari che per primi facciano sacrifici prima di imporli a noi tutti. Ragionamento giustissimo, sul piano morale, ma sul piano politico altre sono i primari problemi del Paese, come abbiamo già detto. La percentuale del MoVimento lo porta ad occupare lo stesso spazio politico, anche se non lo stesso elettorale, occupato in precedenza dal defunto centro: il MoVimento può pesantemente influenzare le politiche del governo e le posizioni del Parlamento forte dei suoi numerosi parlamentari. Infatti l’unica maggioranza possibile pare essere quella tra Bersani e Grillo. Quest’ultimo ha già detto di essere disponibile a valutare provvedimento per provvedimento applicando il modello sperimentale siciliano con Crocetta. Ma come si fa con la fiducia iniziale? Questo è il punto che per ora il non-partito sembra accuratamente evitare, forse per paura di perdere elettorato.

Popolo delle Libertà

Ecco la maggiore sorpresa di questa campagna elettorale. Silvio Berlusconi, colui che un anno fa era politicamente morto, ce l’ha fatta ancora. Il PDL, che quando c’era ancora Alfano era quotato al 12%, è riuscito a non far vincere il PD. Ma come diavolo ci sono riusciti? A mio parere, è stata la zampata di un moribondo che ora è resuscitato come Lazzaro. Dopo 20 anni di guai e l’appoggio al governo Monti, la strategia elettorale del PDL è stata magistrale. Innanzitutto il passo indietro di Berlusconi ha dato la possibilità allo stesso di riciclarsi e dichiararsi pulito quando il governo Monti è caduto. Incredibilmente Berlusconi è riuscito a convincere tutti che i danni dell’Italia sono solo colpa di Monti e per nulla colpa sua, è riuscito ad eludere gli italiani dai propri guai giudiziari. La campagna elettorale del cavaliere si è incentrata sui suoi punti forti, la forte capacità di comunicare e la capacità di sapere individuare e sfruttare le debolezze e le paure della gente. La gente si lamenta dell’IMU? Lui ne propone l’abolizione e la restituzione. Ci sono immobili abusivi? Lui li vuole condonare e non abbattere e punire i trasgressori, come invece prevede la legge. Gli Italiani ritengono l’euro e la Germania responsabile della crisi e delle cattive situazioni economiche dell’Italia? Facciamogli la guerra. Se queste siano idee realizzabili o no, sembra non interessare a nessuno. La coalizione del centrodestra è riuscita ad ottenere un insperato 25% costringendo il Paese all’ingovernabilità. I motivi per i quali la gente ha votato il PdL sono anche nel famosissimo “berlusconismo” che si è diffuso negli ultimi 20 anni e che ha trasformato il Paese in tutte le sue sfumature.

In conclusione, ancora una volta sembra che l’apparenza sia meglio della politica, il che purtroppo è deprimente. Tuttavia non possiamo fare altro che prendere atto di questo e dell’ingovernabilità. Spero solo che si riesca a trovare presto un accordo tra le forze politiche per poter formare un governo di transizione, anche solo per cambiare la legge elettorale che è la vera motivazione per la quale, tranne che nel 2008, sono 7 anni che non si ha una maggioranza reale e capace di governare.

Giovanni Barozzino, da operaio licenziato a Senatore della Repubblica

giovannibarozzinoC’è una storia che merita di essere festeggiata, in queste elezioni dall’esito non proprio esaltante. E’ quella di Giovanni Barozzino, uno degli operai licenziati dalla FIAT di Melfi nel 2010. Riammesso dal tribunale del lavoro, ma mai reintegrato dall’azienda, fu scelto da Nichi Vendola come capolista al Senato in Basilicata per Sinistra Ecologia Libertà. Una candidatura-simbolo, per testimoniare la posizione di SEL al fianco degli operai, proprio nei giorni in cui Mario Monti veniva a Melfi a decantare l’opera di Sergio Marchionne.

Un’elezione, per altro, per niente scontata, in una Regione in cui gli si è contrapposta la candidatura di Nicola Benedetto con Centro Democratico, imprenditore del metapontino nonchè consigliere regionale, transfugo di un IDV in frantumi. Una campagna elettorale affrontata con pochi soldi e molte speranze, in cui Barozzino ha girato palmo a palmo i comuni della sua terra, parlando a tutti. Parlando anche e soprattutto ai giovani, molti dei quali per la loro età non potevano nemmeno votare per il Senato.

A lui vanno i nostri auguri, le nostre speranze, il nostro in bocca al lupo.

 

Voci precedenti più vecchie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: