Sta ri-succedendo?

Come credete che andrà a finire, con queste elezioni? Io la vedo così: PD+SEL vincono ma non hanno i numeri per governare. Quindi devono allearsi con i centristi. A questo punto una parte dei parlamentari di SEL si sfila perché con Monti non ci vogliono stare. Quello che resta dell’alleanza di centrosinistra imbarca i centristi e raccatta alcuni parlamentari sia dal PDL sia dalla lista Grillo, che lì ci saranno persone che manco lo sanno come ci sono arrivate in Parlamento.

Si costruisce una risicata maggioranza, seguono 2-3 anni di bordello stile ultimo governo Prodi e poi si torna a votare.

È interessante il parallelo con quello che è successo nel ’43 (ovviamente il ’43 era il momento della tragedia, il 2013 quello della farsa). Anche allora in una situazione insostenibile, in cui l’Italia non riusciva più a tener fede ai suoi impegni con gli alleati europei il capo dello stato dimissionò il despota allora a capo del governo e formò un governo tecnico (il governo Badoglio era composto interamente da militari, non c’era nessun politico). Il governo tecnico venne salutato con grida di giubilo (“la guerra è finita!”), ma non tardò a mostrare un volto quasi altrettanto feroce di quello del despota, di cui di fatto proseguì la politica (“la guerra continua al fianco dell’alleato germanico”; in più diverse manifestazioni spontanee di piazza vennero represse nel sangue). Il despota, per un po’ di tempo, scomparve dalle scene e sembrava che tutti si fossero dimenticati di lui, sembrava ormai appartenere al passato, finchè decise di tornare in campo. Molti suoi ex-sodali lo seguirono e con loro fondò una Repubblica del Nord, dalla quale tenne in scacco il Paese con altri due anni di bordello. Dopodichè, quarant’anni di DC. Un parallelo del genere è già stato formulato da altri, e credo non sia peregrino. Finirà allo stesso modo.

Ah, dimenticavo: nell’immediato dopoguerra emerse un movimento politico che si dichiarava estraneo ai partiti tradizionali, il Fronte dell’Uomo qualunque, fondato da un commediografo, Guglielmo Giannini. Il movimento trovo il suo mezzo di aggregazione e di definizione programmatica nel settimanale L’Uomo Qualunque, fondato da Giannini nel 1944, il cui slogan era “Abbasso tutti”. Aveva l’abitudine di storpiare i nomi dei politici, ad esempio il presidente del Consiglio Ferruccio Parri era da lui chiamato “Fessuccio”. Il Fronte dell’Uomo Qualunque ottenne importanti risultati elettorali e una folta pattuglia di parlamentari nell’Assemblea Costituente, ai cui lavori peraltro non contribuì con nulla di memorabile. Alle elezioni amministrative superò in alcune città la DC come numero di voti.

A stabilizzazione avvenuta si dissolse e i suoi voti di fatto alimentarono l’estrema destra. Vi ricorda qualcuno?

Annunci

23 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Antonino Trovato
    Feb 13, 2013 @ 12:13:01

    La premessa quella che anche voi volete che si verifichi oppure volete lavorare perch non si verifichi ? E’ un argomento che tanti commentatori di parte usano per allontanare la gente dal voto (…tanto perch si dovrebbe andare se c’ la paralisi, dopo ?) con il preciso scopo di sbarrare la strada al centrosinistra. Secondo il mio parere , invece, questa una strategia perdente che , se si dovesse verificare, allontaneremmo di pi gli elettori e rafforzeremmo il nuovo Uomo Qualunque . E’ questo che si vuole ?. Non voglio elencare i problemi , che la stragrande maggioranza delle famiglie li vive e li sente sulla sua pelle ; non certamente quel 10% che detiene il 75% della ricchezza prodotta e qualche altro ceto sociale che gode di redditi altamente alti rispetto alla media europea. L’ Italia, la nostra democrazia ha bisogno di un governo stabile e duraturo che abbia la maggioranza nei due rami del Parlamento e possa lavorare per il bene comune. Fino ad oggi abbiamo pagato la mancanza di una vera alternanza al governo del paese e questo ha rappresentato un male per la nostra democrazia. Spero nella vittoria del centrosinistra per avere la prova ,che mi permetter di giudicare.

    Rispondi

  2. jaycanto
    Feb 13, 2013 @ 13:59:44

    L’Uomo Qualunque era un movimento di ispirazione liberale che per caratteristiche interne era più simile a FARE-FiD, ma che ebbe un grosso seguito, ingiustificato, tra l’altro, tra i repubblichini e ciò portò alla rottura con le forze potenzialmente alleate, ovverosia Partito Repubblicano e Partito Liberale.

    40 Anni di centrismo duro e puro, visti gli ottimi risultati storici, sono solo auspicabili. Coi dovuti sacrifici.

    Rispondi

  3. step
    Feb 14, 2013 @ 14:26:48

    L’analisi tralascia maliziosamente un particolare fondamentale ovvero le stesse regole del m5s: l’idea di democrazia diretta, l’idea diversa di rappresentanza e soprattutto il divieto di appoggiare un governo esterno al partito che fu la vera causa del fallimento del Fronte.
    Sulla prima parte sono assolutamente d’accordo e aggiungo che il futuro fallimentare governo di intesa Vendola – Bersani – Monti oltre che resuscitare il centro permetterà ai vecchi ladri socialisti (fratelli craxi e compagnia bella) di continuare a mangiare a nostre spese fino alla maturazione del vitalizio.
    Chi è causa del suo mal…

    Rispondi

  4. peppecaiv
    Feb 14, 2013 @ 15:02:10

    Divieto di appoggiare un governo esterno al partito? Beh in sicilia i grillini appoggiano il governo Crocetta, vedrai che all’occorrenza quel divieto cadrà, così come incredibilmente è caduto il divieto di andare in tv per Beppe Grillo. Per quell’uomo i divieti si mettono e si tolgono a seconda della sua convenienza.

    Rispondi

    • step
      Feb 22, 2013 @ 04:18:15

      Non è vero e te lo hanno spiegato qualche post più sotto anche se la risposta contiene un’ulteriore inesattezza. Appoggiare cioè dare fiducia non è votare la singola legge.

      Rispondi

  5. peppecaiv
    Feb 14, 2013 @ 20:16:07

    100%antifascista Il tuo commento è stato eliminato. Vuoi criticare? Sei il benvenuto. Gli insulti non sono tollerati, però. Qui non sei nel blog di Grillo.

    Rispondi

  6. 100%antifascista
    Feb 14, 2013 @ 20:52:37

    Benissimo allora vediamo chi è davvero il fascista qui… rimetti il commento e togli pure quelli che tu consideri insulti o metti gli asterischi…quello che vuoi… vediamo se lo fai o se non ti va giu’ invece che qulcuno non la pensa come te.

    Rispondi

  7. peppecaiv
    Feb 14, 2013 @ 20:54:33

    No, tu se vuoi riscrivi il commento (senza insulti). La scorrettezza l’hai fatta tu insultandomi, non io.

    Aggiungo: anche gli altri due commenti qua sopra non la pensano come me, ma non insultano e vengono ovviamente pubblicati.

    Rispondi

  8. 100%antifascista
    Feb 14, 2013 @ 21:01:17

    Benissimo, allora le affermazioni che hai fatto dimostrano ignoranza (nel senso di perona che ignora delle cose) oppure mala fede (questo è mio punto di vista non un insulto). I GRILLINI IN SICILIA NON E’ VERO INFATTI CHE “APPOGGIANO” IL GOVERNO CROCETTA, MA VALUTANO E VOTANO DI VOLTA IN VOLTA LE QUESTIONI, GLI EMENDAMENTI ECCETERA, DIMOSTRANDO ALLA GRANDE DI FARE UNA SANA OPPOSIZIONE, NON IDEOLOGIZZATA, E NON A PRIORI CONTRARIA AL GOVERNO COME INVECE SIAMO ABITUATI A VEDERE NEL PARLAMENTO ITALIANO.
    Seconda questione che hai citato: Perchè dici che Grillo proibisce la televisione, quando tutti sanno benissimo che è la presenza ai TALK SHOW che è messa in discussione, a mio parere giustamentew, perchè sono trasmissioni manipolate, un’arena dove poi le dichiarazioni vengono travisate.
    Così va bene oppure è solo sul Blog di Grillo che si possono scrivere pareri differenti dal tuo?

    Rispondi

  9. 100%antifascista
    Feb 14, 2013 @ 21:03:40

    ultima cosa.. i tuoi paragoni con la storia passata sono senza concretezza inquanto il M5S è apartitico, apolitico, disdegna e rifiuta qualunque forma di estremismo, di fascismo, di comunismo ecc. è un movimento di persone oneste che ci credono nel cambiamento. Saluti

    Rispondi

    • peppecaiv
      Feb 14, 2013 @ 21:08:00

      Apolitico non direi, se si candida alle elezioni è politico. Apartitico forse si, visto che i partiti voglion dire di solito partecipazione (mentre Grillo caccia chi pare a lui e decide in solitario sulla linea da tenere).

      Ad ultimo, non direi che rifiuti qualsiasi forma di estremismo visto che fa l’occhiolino alla lega ed accoglie a braccia aperte i fascisti di Casapound.

      Rispondi

      • 100%antifascista
        Feb 14, 2013 @ 21:33:11

        Non ne indovini una cavolo. Allora continui ad ignorare che l’ “occhiolino” come lo chiami tu non lo fa a nessuno tanto e’ vero che non ci si allea. ” accogliere casa paund a braccia aperte” e’ una TUA chiara manipolazione ( ovvero ESATTAMENTE come fanno i talk show provocatori, i giornali, e i tg) nessuna apertura a chiunque sia fascista o comunista o secessionista. Grillo ha detto e vatti a sentire la dichiarazione che se “uno di un qualsiasi orientamento ha i requisiti per entrare nel M5S puo’ entrare ed e’ benvenuto, quindi non appartenere o essere appartenuto a partiti politici, non essere estremista ecc…ec… Ma se invece vuoi continuare a pensarla in maniera di parte fatti pure il tuo blog ma ti ritroverai da solo a leggerlo oppure ti troverai solo con quelli che la pensano come te senza alcun dialogo costruttivo

      • peppecaiv
        Feb 14, 2013 @ 21:38:54

        Chiara manipolazione? Le frasi di Beppe Grillo a Casapound “se volete, siete i benvenuti nel M5S” sono manipolazione?

        Il vostro vittimismo sui talk show che sarebbero contro di voi a manipolare la vostra verità scolpita nel marmo è totalmente equivalente a quello di un berlusconi quando afferma che le tv sono in mano alla sinistra (pur essendo in mano sua). Sei davvero sicuro di poterti definire antifascista?

        Riguardo il blog, non ti preoccupare. Ci leggono migliaia di persone ogni giorno e godiamo di ottima salute. Ma anche se fossero in due o tre a leggermi, non me ne darei pensiero. L’importante è poterle esprimere, le opinioni.

        Senza che nessuno minacci di tapparti la bocca con le querele, come piace fare al caro leader, che voi adulate.

  10. 100%antifascista
    Feb 14, 2013 @ 21:04:14

    …e RIPUDIA LA GUERRA. IN TUTTE LE SUE FORME.

    Rispondi

  11. peppecaiv
    Feb 14, 2013 @ 21:05:02

    Così va benissimo (gli insulti, e lo sai meglio di me, erano altri, non quelli che hai precisato tra parentesi).

    Sul fatto: a) Crocetta in Sicilia non ha la maggioranza, ergo se governa è perchè il M5S responsabilmente ha deciso di appoggiarlo. Cercando ovviamente di condizionarne l’azione e facendo pesare il proprio appoggio. Ed è giusto che sia così. Ma non mi si dica che il M5S non si allea o non sostiene nessuno perchè è una balla.
    b) Grillo proibisce la presenza nei talk show e allora perchè va da Sky a farsi intervistare? Quella di sky cos’è? Un talk show o un programma di varietà?

    Rispondi

  12. 100%antifascista
    Feb 14, 2013 @ 21:10:21

    INSISTI…MA COSA CAVOLO VUOL DIRE “APPOGGIA”??? CERTE VOLTE SONO D’ACCORDO CERTE ALTRE NO E VALUTANO CON COERENZA IN BASE AI LORO PRINCIPI E ALLE LORO IDEE MA NON GLI DANNO CONTRO PER FORZA….MA PER TE COSA VUOL DIRE OPPOSIZIONE??DIRE SEMPRE DI NO? E COME SI FA A GOVERNARE BENE COSI?
    SU SKY NON SARA’ UN TALK SHOW ALLA MAURIZIO COSTANZO MA UN INTERVISTA. PUNTO. UN’INTERVISTA NORMALISSIMA

    Rispondi

    • peppecaiv
      Feb 14, 2013 @ 21:43:15

      Crocetta ha i numeri per governare da solo? No.
      Ergo, Crocetta non ha la maggioranza.
      Come fa Crocetta a governare? Coi voti dei grillini.
      Ergo, i grillini appoggiano Crocetta.

      Spero così sia chiaro altrimenti passo ai disegnini.

      Rispondi

      • 100%antifascista
        Feb 14, 2013 @ 21:50:18

        E’ evidente che hai totalmente esaurito gli argomenti econtinui a ripetere le stesse cose come un disco rotto. Non leggi quello che scrivo oppure fai finta di non capirlo qui mi sa che dei dubbi sulla tua posizione filo-fascista li devi avere tu inquanto fai finta di accettare critiche e repliche ha in realta’ manipoli anche quello che scrivo cioe’ che e’ chiarissim che Crocetta non e’ appoggiato come governo ma eventualmente su punti comun condivisibili come da buon senso. EVIDENTEMENTE per te tutti la devono pensare come te per andare d’ accordo. Su casa pound contiui a far finta di non capire e a riportare frasi errate ed interpretate. Ti lascio ai tuoi “ipotetici e dubbi” fan che dici di avere. Hai cominciato fintamente con delle buone maniere ipocrite su insulti mentre tu insulti intellettualmente. Questo e’ molto piu’ grave e disonesto

  13. peppecaiv
    Feb 14, 2013 @ 21:54:05

    Va bene. Siete tutti vittime di cattive interpretazioni date da gente in malafede che vi vuole male perchè è kasta mentre voi siete ggente. E quindi tutti devon tacere, perchè se no manipolano, mentre solo al Divino Beppe dev’esser data parola. Questo è l’obiettivo a cui tendere.

    Finchè non l’avrete raggiunto, putroppo sulla vostra strada troverete chi vi critica.

    Fatevene una ragione, è la democrazia.

    Rispondi

  14. 100%antifascista
    Feb 14, 2013 @ 21:59:44

    E difatti viva la democrazia, accetta le critiche e rispetta chi la pensa diversamente. Questo significa crescere. Personalmente non mi sento vittima di nessuno ma dibatto con quelli che accenttanoil confronto e questo non mi sembra il luogo, tu per primo non apri al dialogo ma attacchi soltanto senza onesta’ intellettuale.

    Rispondi

    • riforoberto
      Feb 15, 2013 @ 12:53:37

      Per tua informazione:
      La differenza tra il sistema regionale siciliano e quello parlamentare nazionale è che nel primo il Presidente e capo dell’Esecutivo è eletto direttamente dai siciliani e dunque una volta insediato ha i pieni poteri e non ha bisogno di porre una questione di fiducia iniziale. Nel sistema parlamentare invece anche qualora il sistema fosse bipolare e qualora il premier fosse di fatto designato precedentemente dall’elettorato, occorre la fiducia della maggioranza del parlamento. Ergo detto questo: in Sicilia per considerare appoggio esterno alla giunta (che gode di un appoggio “interno” di minoranza) quello dei Grillini bastano 2 cose: che l’M5S voti e sostenga l’azione di governo influenzandola (come fanno i partiti della maggioranza per qualsiasi governo), che nessuno proponga o sostenga un voto di sfiducia verso il presidente Crocetta, che manderebbe tutti a casa (giunta e consiglio)…
      In una situazione analoga, nel parlamento Italiano, il M5S non potrebbe votare direttamente i provvedimenti giusti di un governo se non con un sostegno esterno palesato attraverso il primo (o un successivo) voto di fiducia, in modo tale da avere poi, come in Sicilia, un Governo con una maggioranza composta anche dall’appoggio esterno (provvedimento per provvedimento, come dici tu), da poter influenzare nella sua azione.
      Se così non avvenisse, sarebbe per l’appunto un ulteriore dimostrazione che i divieti del vostro non-statuto fanno ridere ai polli 😀

      Ciao!

      Rispondi

  15. pedrop61
    Feb 15, 2013 @ 02:04:59

    Sinceramente non credo si possa fare un parallelo con l’Italia del 1946. Allora, nella società postcontadina o protoindustriale italiana, l’organizzazione sociale, soprattutto ai livelli della classe operaia, imponeva una organizzazione fortemente inquadrata secondo una struttura quasi militaresca: “l’operaio massa” veniva inquadrato in plotoni e reparti esattamente come nelle caserme. Il suo inquadramento si completava nella cieca obbedienza al leader di partito che prometteva, sotto la sua guida, che il comunismo, ovvero la classe operaia, avrebbero trionfato e governato ! L’egemonia intellettuale del PCI era il motore necessario per condurre la classe dei lavoratori alla presa di potere. Oggi ci si rende conto di quanto queste teorie avrebbero dovuto generare per lo meno delle perplessità: i casi sono due o il comunismo prevede che al governo ci sia la classe operaia, ovvero anche “la casalinga di Voghera” (!!?!) oppure è qualcos’altro.
    Ma allora si leggeva l’Organo del Partito (l’Unità fondato da Gramsci) e basta (l’unica informazione consentita contro la propaganda borghese): non si leggeva che in Russia la classe operaia non era poi così entusiasta del socialismo reale, non si leggeva quanto guadagnavano di stipendio i parlamentari comunisti, dove abitavano, quando andavano in Pensione, che vita facevano. Venivano rappresentati come Monaci laici votati alla causa per fede politica e per il “bene” dei lavoratori. Dei Martiri votati al sacrificio personale per il bene altrui.
    Quando qualcuno obiettava che forse prendevano stipendi troppo alti, si raccontava che però ne “versavano” una buona parte al Partito in donazione. Poi la società, per fortuna si è diversificata, l’informazione forse sarà diventata pletorica, a tal punto che è ridondante e c’è il rischio di perdere di vista le notizie importanti per davvero, ma la gente ha avuto modo di informarsi in maniera più completa e veloce ed oggi si sono raggiunti dei livelli talmente eccelsi che praticamente non sfugge nulla. Compreso quello che non si dovrebbe sapere. Ma si sa ! E’ questa la novità.
    Io non credo che Grillo rappresenti la soluzione a tutti i mali e a questa empasse che dura dal dopoguerra. ma i tempi sono maturi e la crisi impone una riflessione da parte di tutti noi sulla liceità di questa classe dirigente politica, finanziaria ed industriale a continuare a fare gli scempi che ha fatto fin’ora e che, non dimentichiamolo, è la stessa classe dirigente passata inalterata fra due guerre mondiali, la parentesi fascista e , dopo un rapido maquillage e un restyling di facciata in salsa repubblicana ed “antifascista” è arrivata fino a noi.
    Grillo non sarà la soluzione ma tutti gli altri hanno ampiamente dimostrato di essere gli “amici del giaguaro” con l’aggravante di aver portato questo gioco ai minimi termini ovvero all’esaurimento delle risorse pubbliche (e private) per esclusivi egoistici interessi di casta…e allora….

    Rispondi

  16. Trovato Antonino
    Feb 17, 2013 @ 21:05:47

    E’ arrivato il professore che sale in cattedra ed essendo a corto di argomenti validi per spiegare la disastrosa situazione in cui si trova l’ Italia e chiamare in causa i veri responsabili, pontifica dall’ alto della sua cultura anticomunista ( le suggerisco alle prossime elezioni di fare un pò la storia del fascismo !) dimenticandosi che c’ è il 35% di disoccupati giovani, che il potere di acquisto dei salari e delle pensioni è fermo da dieci anni, che in Italia c’ è un’ evasione fiscale da spavento ecc. ecc. e che c’è bisogno di un governo serio per presentarsi in Europa e far valere le ragioni del nostro paese. Sono convinto che lo scontro è tra il berlusconismo ed il centrosinistra; dipende dagli Italiani, dal loro voto dire da chi vogliono essere governati. Non bastano le strombazzate teatrali del comico santone , che non è capace di presentarsi in TV e spiegare quali sono le sue proposte in merito a quelle richiamate sopra. Voglio assicurare al professore che ne ho rilasciate tante altre non meno importanti, ma ho voluto sintetizzare. Quindi niente polemiche che non servono a niente, ma risposte concrete per un confronto serio su proposte fattibili e serie! Buttare fango su tutti è una cultura che adoperano coloro che hanno bisogno di spurgare i loro sbagli, avendo votato in passato gli artefici di questo disastro.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: