Scacco al Re!

Immagine                                                                                                                  Scacco al Re!

I grillini sono in difficoltà. Grillo e Casaleggio sono preoccupati. Le urne, che hanno consegnato un Paese ingovernabile, hanno consegnato anche una bruttissima situazione al duo a capo del MoVimento 5 Stelle. Il 25% degli italiani ha votato il non-partito e ora il non-politico Comico si trova tra due fuochi: da una parte la possibilità di governare per attuare le sue proposte, ipotesi sposata da una parte dei grillini, con il rischio di sporcarsi le mani di marmellata appoggiando il PD; dall’altra parte c’è l’ipotesi di non concedere la fiducia al governo e trascinare il Paese ad elezioni in una fase in cui avere un governo è di vitale importanza, prostrando il fianco ad una campagna elettorale del centrosinistra (e non) tutta volta a denunciare l’irresponsabilità dei grillini per cercare di recuperare terreno.
Grillo è messo all’angolo, quindi. La proposta fatta via web al PD, affinchè quest’ultimo dia la fiducia ad un governo grillini, è chiaramente una provocazione, una provocazione che però non hanno preso sul serio nemmeno tantissimi grillini. Ma allora che si fa? Cosa intendono fare i grillini? Vogliono concedere la fiducia ad un governo PD-SEL, dimostrando di tendere anche al governo per tentare di attuare le proprie riforme, anche sporcandosi le mani, o vuole rimanere un semplice movimento di protesta irresponsabile il cui unico scopo è di conservare gelosamente il suo ottimo risultato elettorale?

Scacco Matto

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. pd valdengo
    Mar 02, 2013 @ 12:10:10

    L’ha ribloggato su CIRCOLO PD VALDENGO.

    Rispondi

  2. Trovato Antonino (@AMattiantonio)
    Mar 02, 2013 @ 13:16:25

    Premetto che ho votato PD e quindi so che potrei essere strumentalizzato o non preso in considerazione. Commento solamente perchè ,di fronte ad una situazione politica molto difficile per il nostro paese, ogni elettore ,che ha espresso il suo voto , ha diritto di partecipare alla discussione e portare il suo contributo. La campagna elettorale, per il momento attuale, è finita ed ogni partito che ha avuto dei voti non può congelarli, dopo che ha da diversi anni gridato contro la politica e la casta dei politici. Oggi ha la possibilità di far pesare il suo elettorato per dare loro delle risposte.Per fare questo, non vi sono tante vie di fuga. O si va in Parlamento e si discute oppure si sceglie la strada dell’ aventino.Oggi ad ognuno si chiede di prendere le sue responsabilità, dando delle risposte, altrimenti si predica bene e si razzola male. Nessuno ha il diritto di continuare con gli insulti, che ormai sono conosciuti, direi arciconosciuti; a nessuno è concesso di non conoscere la nostra carta costituzionale oppure, conoscendola, di non tenerne conto, calpestandola. Grillo e Casaleggio non possono continuare con la solita litania, anche questa arciconosciuta; a nessuno è permesso di parlare di ” mercato delle vacche” perchè non c’è mercato e non vi sono vacche, ma solamente dei punti pubblicati sui quali se non si è d’accordo bisogna espressamente dirlo. Tutto il resto è tattica politica, vecchia politica che non porta da nessuna parte e si ritorcerà nei confronti di chi vuole praticarla, non assumendosi le sue responsabilità. Bisogna eleggere i Presidenti dei due rami del Parlamento; se il PD ed il centro sinistra decideranno di darle alle minoranze è semplicemente una scelta di democrazia e non mercato delle vacche; lo stesso dicasi per le commissioni. Nessuna alleanza, quindi, ma responsabilità per il bene del nostro paese.

    Rispondi

    • fdimatteo
      Mar 02, 2013 @ 14:51:23

      Ciao Antonino, innanzitutto grazie del tuo contributo e del tuo commento. Tu dici “tutto il resto è tattica politica”, io invece penso che sia tutta tattica perchè la campagna elettorale, per vari protagonisti della nostra politica, non è affatto finita. È tutta tattica perchè, a mio parere, quello di Grillo è stato un risultato TROPPO buono, paradossalmente. Grillo preferiva di gran lunga entrare in un parlamento stabile dove poteva tranquillamente spalare fango su tutti. La situazione nella quale siamo, però, lo mette di fronte alla sua incisivitá parlamentare, tanto da auspicare un governo pd-pdl ad un diretto coinvolgimento dei grillini nel governo o con appoggio esterno. È sotto scacco perchè ora, qualunque cosa faccia ne risentirá. Prepariamo i pop corn e divertiamoci.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: