Vendola, mi hai rotto il cazzo

Da quando Vendola creò SEL, dalla fusione della sinistra dei DS che non si unirono al PD e della fazione di Rifondazione che non seguì Ferrero, io ci ho creduto. Ci ho creduto ad una sinistra che sapesse coadiuvare la complessità della società contemporanea con le tematiche e gli ideali propri della sinistra. Ci ho creduto a questo avamposto di sinistra che potesse sfruttare le nuove tecniche comunicative per portarci oltre alla mera testimonianza che, in un sistema elettorale bipolare (e incostituzionale), ci avrebbe – ci ha – schiacciato fuori dal parlamento. Ci credevo ad una sinistra capace di portare a termine strategie politiche che andassero oltre il mero snobbismo intellettuale.
Tuttavia questo progetto è stato buttato al vento, e Vendola non è certo esente da colpe.
Ambiguità spesso non volute, frasi bisenso, poca chiarezza nel prendere posizione e colpi di coda finali hanno fatto fallire il progetto che pure aveva tutti i buoni propositi per proseguire e crescere.

Non è la telefonata all’ILVA ad averti affossato, non solo, ma anche questa è stata significativa: quasi simbolica. Questa tua eccessiva morbidezza, con interlocutori che tutti noi e forse anche tu avremmo voglia di prendere a calci, è stata una costante: non solo con il responsabile dell’ILVA, in privato al telefono, ma anche in politica; questo non porsi nettamente in posizione antitetica al PD, soprattutto oggi che la posizione di questo partito sembra essersi definitivamente scoperta di destra, può essere intesa come un tentativo di prendere tempo e sono comunque certo della tua buona fede. Tuttavia basta leggere i commenti sotto i post della tua pagina per capire che il messaggio non risulta chiaro, che la tua strategia comunicativa risulta sempre più fallimentare.

Nichi Vendola

Dopo la vittoria di Renzi, Vendola su Facebook ha scritto: “Renzi? Un ciclone che chiude completamente un pezzo di storia politica italiana, liquidando un’intera nomenclatura politica. Con Renzi bisognerà parlare, intendersi, ma credo che oggi si sia creato lo spazio per la nascita di una nuova Sinistra. Una sinistra libera dalla nostalgia e che non voglia morire di governabilità.”.
Quando l’ho letto non ho potuto fare a meno di pensare: “Vendola, mi hai rotto il cazzo”.
Perché il significato di questo suo status, a fronte delle sue affermazioni passate che condividevano con me la visione di un Renzi politico di destra, potrebbe anche essere quello di voler creare finalmente una sinistra alla sinistra del PD dopo l’inevitabile vuoto che in quella zona si è venuta a creare. Sarebbe ora, in effetti.
Tuttavia il suo messaggio risulta ambiguo, va oltre i semplici complimenti e le semplici constatazioni: prima di tutto perché rivaluta Renzi, la sua idea di politica, e non lo identifica come dovrebbe, tra gli avversari. Rimane volutamente ambiguo, forse in attesa di vedere come si metteranno le cose, forse sotto sotto facendo l’ennesima chiamata a Barca, Civati e quegli eterni dissidenti interni che probabilmente dal PD non usciranno mai. Perfettamente nel suo stile, direi, ma è uno stile che non va bene, in un periodo in cui i toni caustici o sarcastici di Grillo, Renzi e Berlusconi la fanno da padrone. E succede che Vendola riceva solo insulti da chi, con un semplice “Complimenti a Renzi, ma ora noi costruiamo un’alternativa (anche a Renzi) con chi ci sta”, l’avrebbe seguito quasi ciecamente in una nuova avventura di un grande “fronte della sinistra”, diventato inevitabile di fronte a questi presupposti.
Per questo non credo di essere il solo, tra i più fedeli elettori di SEL, a chiedere la testa di Nichi Vendola: non tanto perché abbia smesso di credere nella sua buona fede, ma semplicemente perché il suo stesso progetto possa andare avanti con un nuovo leader, con un linguaggio un po’ meno forbito, con un atteggiamento un po’ meno morbido e benevolo verso gli avversari, capace di contrastare a tutto campo il Berlusconi triplicato che ci troviamo ad affrontare.

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Angelo Lorusso
    Dic 10, 2013 @ 13:53:40

    Condivido il senso di spreco di questo laboratorio politico della modernità. Te lo dice uno che si è fatto tutta la costituente in giro per l’Italia dai tempi del MPS e da un anno si è tolto la tessera a SEL.

    Non condivido il tuo approccio allo stile di Vendola. Nella mia visione Vendola è un pacifista, ma nel midollo; dunque non una persona che non usa “morbidezza”, quasi con accezione tatticista, ma una persona che cerca sempre il confronto umano.

    Se ciò non è chiaro, non si può interpretare correttamente ciò che lascia basita una popolazione assuefatta da 30 anni ad eccessi violenti da ogni parte.

    Continuo a stimare la figura di Vendola, ritenendola una chiave di volta di un nuovo corso nei modi di fare politica (e in questo rientrano anche Renzi e Civati, che non mi risulta usino toni caustici), pur considerando ormai privo di interesse il suo partito.

    Smettiamola di spararci addosso, e cerchiamo di evitare opinioni affrettate. Ognuno è una risorsa preziosa, che viene annichilita innanzitutto dal furor di popolo (e di stampa).

    Rispondi

    • riforoberto
      Dic 10, 2013 @ 14:58:41

      So della buona fede di Nichi Vendola, so del fatto che il suo sia uno stile o anche una tattica per fare il bene della sinistra, e personalmente condividerei anche i suoi toni. Ma di fronte al dato di fatto dell’incomprensione al quale tutto ciò è sottoposto e agli avversari che abbiamo di fronte, non ci si può tappare gli occhi e credere di poter perseverare in un tale atteggiamento. Ecco, questo è il senso del mio post…
      p.s. i toni di Renzi, chiassosi, sarcastici, sminuenti, verso coloro che ha individuato come nemici, sono a mio parere caustici, a modo loro.

      Rispondi

      • Angelo Lorusso
        Dic 10, 2013 @ 15:15:53

        Con la violenza non si fanno patti sociali, in un momento storico in cui è necessario riformare una struttura sociale completamente mutata. Nè si superano le incomprensioni. E nella violenza rientra anche l’arroganza del kulto di sinistra.

        Rispolverare la storia di Mandela (ma non solo) ce lo dovrebbe insegnare.

        Non credo Renzi abbia mai puntato “al nemico”, quanto ad un modo di vedere le cose. Neanch’io apprezzo molto lo stile, ma c’è anche in lui un metro pacifista che bisogna favorire.

        p.s.: sono un sostenitore di Civati, non faccio propaganda renziana, faccio propaganda pacifista

  2. Antonino Spartacus Trovato
    Dic 10, 2013 @ 16:29:42

    Anch’io , quando ho letto la dichiarazione dopo la vittoria di Renzi, ho semplicemente notato che la coerenza non è più un valore e, quindi, questi politici alla Vendola che saltano e dimenticano hanno distrutto la vera politica , allontanando con il loro esempio i cittadini onesti , ma meno politicizzati, a disertare le urne oppure ad ascoltare le sirene del qualunquismo ,votando i comici di turno.Purtroppo questo è il risultato !

    Rispondi

  3. SAM™
    Dic 10, 2013 @ 17:49:41

    Penso che in questo momento, in cui probabilmente più che mai sentiamo il bisogno di aggrapparci a qualche certezza, le dichiarazioni di Vendola non abbiano fatto altro che essere l’ennesima bastonata a delle aspettative di sinistra concreta. E pensare che un fiore ce l’avevamo ed era lo spirito con cui SEL era cresciuta.

    Rispondi

  4. pio
    Dic 10, 2013 @ 21:02:49

    non è solo Vendola a fallire ma anche i resposabili territoriali che usano il partito come un ufficio di collocamento per coloro che non lavorano nel partito ma sono pronti a mettersi in mostra per ottenere cariche remunerative, facendo del male al partito. Già le gente non ha fiducia nella politica, poi si mettono anche anche i dirigenti locali(provinciali Gorizia) a fare i collocatori e nominatori di personaggi equivochi e anche chi crede nella politica si stacca e abbandona, è una normale presa di posizione.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: