Quelle frasi scomode del Papa.

Tempo 24 ore e il nuovo Pontefice crea scompiglio tra fedeli e non. Jorge Mario Bergoglio, gesuita, argentino, visto dalla maggioranza dei giornalisti e vaticanisti come una persona sobria, che non ama la ricchezza e il potere della Chiesa, è già nel mirino di tanti per alcune frasi riguardanti gli omosessuali e la candidatura di Cristina Kirchner in Argentina. Nel 2007, quando era Arcivescovo di Buenos Aires, disse riferendosi a lei: “Le donne sono naturalmente inadatte per compiti politici. L’ordine naturale ed i fatti ci insegnano che l’uomo è un uomo politico per eccellenza, le Scritture ci mostrano che le donne da sempre supportano il pensare e il creare dell’uomo, ma niente più di questo”. Un pensiero, questo, rafforzato da un’altra dichiarazione, sempre inerente alle donne in politica: ”abbiamo avuto una donna come presidente della nazione e tutti sappiamo cosa è successo”, questa volta parlando di Maria Estela Martinez de Peron.

Alla luce di queste dichiarazioni il nuovo Papa si trova a dover percorrere una strada tutta in salita, de facto sono stati traditi i cuori di quanti pensavano di trovarsi di fronte ad un semplice francescano – giocando sul nome -, forte, caritatevole e magari con posizioni divergenti da quelle espresse dai suoi “ex colleghi”. Vane speranze, anche perché Francesco I è passato alla storia per la sua crociata contro le nozze gay. Infatti, il Papa si schierò contro i matrimoni omosessuali in occasione del voto al Senato della Repubblica Argentina sulla proposta di legge per rendere legale il matrimonio omosessuale e le adozioni (riforma poi approvata il 15 luglio 2010), il Pontefice scrisse: “Scrivo queste poche righe a ciascuna di voi che siete nei quattro monasteri di Buenos Aires. Il popolo argentino dovrà affrontare nelle prossime settimane una situazione il cui esito può seriamente ferire la famiglia. Si tratta del disegno di legge che permetterà il matrimonio a persone dello stesso sesso. È in gioco qui l’identità e la sopravvivenza della famiglia: padre, madre e figli. È in gioco la vita di molti bambini che saranno discriminati in anticipo e privati della loro maturazione umana che Dio ha voluto avvenga con un padre e con una madre. È in gioco il rifiuto totale della legge di Dio, incisa anche nei nostri cuori.
Ricordo una frase di Santa Teresina quando parla della sua malattia infantile. Dice che l’invidia del Demonio voleva vendicarsi della sua famiglia per l’entrata nel Carmelo della sua sorella maggiore. Qui pure c’è l’invidia del Demonio, attraverso la quale il peccato entrò nel mondo: un’invidia che cerca astutamente di distruggere l’immagine di Dio, cioè l’uomo e la donna che ricevono il comando di crescere, moltiplicarsi e dominare la terra.”. 

Frasi che hanno creato scandalo e molte reazioni, tra cui le principali associazioni omosessuali cilene, che in un comunicato attaccano il Papa: “Ancora una volta la Chiesa pone a capo del Vaticano un promotore dell’odio verso la diversità sociale e una figura del riferimento dell’omofobia e del disprezzo delle minoranze sessuali”.

Insomma, se fino all’altro giorno c’era una parte di cattolici che pensavano che il nuovo Papa dovesse portare una ventata nuova, di apertura su certi temi, come quelli del matrimonio omosessuale e del celibato, oggi si scopre che si ha a che fare con una persona che segue la dottrina in maniera ortodossa. Insomma, un classico conservatore, che, purtroppo, riuscirà solo ad irrigidire le posizioni immobili della Chiesa, rimasta, evidentemente, nel Medioevo

Aggiornatevi. Siamo nel 2013.

 

Immagine

Buoni propositi per il 2013

https://i1.wp.com/www.brianzapopolare.it/immagini/disegni/20130101_buon_2013_468x501.jpg

Una sintetica lista di buoni propositi per il 2013 da darei ai futuri politici che siederanno in Parlamento, l’autore, pienamente consapevole del fatto che questa lista anche se venisse letta, sarebbe bellamente ignorata, ben sapendo che sta scrivendo qualcosa di inutile, la scrive lo stesso per suo sommo diletto. Ecco 20 punti, non dico fondamentali ma sono quelli che mi son venuti in mente pensando ai partiti e ai movimenti:

1)Mandare in Parlamento gente in grado di intendere e di volere, il PDL ad esempio può anche evitare di mandare vecchiettini un po’ stanchi e affaticati.

2)Mandare in Parlamento gente con un po’ di cultura o almeno in grado di parlare fluentemente l’italiano, i grandi show della Lega Nord – Padania.

3)Mandare in Parlamento gente con una base di cultura filosofica perchè come direbbe Platone, la filosofia in politica è fondamentale, altrimenti tanto vale tenerci tutti i tecnici che abbiamo avuto al governo, questo un po’ per tutti ma soprattutto per il Movimento 5 Stelle.

4)I parlamentari grillini guardino meno i post su LoSai o su Byoblu o su siti complottari vari ma leggano Socrate, Platone, Kant, Smith, Ricardo, Marx, Nietzsche e quant’altro possa essergli utile quando dovranno decidere cose serie tipo i nostri destini.

5)Astenersi dal Parlamento i condannati per corruzione, concussione, associazione a delinquere et similia.

6)Stare uniti e non cadere nel leaderismo alla Di Pietro, questo per Rivoluzione Civile.

7)Diventare di sinistra che Vendola forse un po’ vi aiuta, questo per il Partito Democratico.

8)Riporre il manganello, questo per la destra in generale.

9)Meno protagonismo e riflettere se davvero sia bello che nel XXI secolo si parli ancora di radici cristiane e di “quando c’era la DC si stava meglio”, questo per il centro.

10)Tagliarsi gli stipendi.

11)Scoprire che esiste l’Unione Europea e che questa Unione fa leggi da un po’ di anni e ne stiamo già violando un bel po’ e abbiamo un listino di multe salate da pagare grazie ai precedenti governi.

12)Fare qualcosa per i diritti umani che non sia “aiutiamoli a casa loro” perchè a casa loro magari li fucilano appena arrivati.

13)Evitare di vendere anche il Parlamento agli imprenditori pur di privatizzare lo stato, io purtroppo il novello dirigente industriale che andrà a gestire scuole, ospedali eccetera se saranno privatizzate non lo posso eleggere, fate un po’ voi.

14)Usare un po’ di più la propria testa e informarsi di più usando fonti a 360°, questo per tutte le basi dei vari partiti e movimenti.

15)Scoprire che esiste un modello economico alternativo al capitalismo e che questo modello non è affatto vecchio e stantio visto che finchè esisterà il capitalismo esisterà anch’esso, ovvero il comunismo marxista.

16)Il mestiere del giornalista è dire la verità, al massimo massimo dare un opinione.

17)La tecnologia non è tutto, puoi fare il fighetto col pc finchè vuoi ma ricordati che non tutti possono permettersi un computer e quindi col voto universalmente online non risolvi tutti i problemi e c’è gente che, come me, un tizio vorrebbe anche ogni tanto vederlo di persona almeno su un palco piuttosto che vederlo su youtube, per il Movimento 5 Stelle.

18)Tagliare e regolamentare in maniera severissima i finanziamenti a partiti e giornali, non eliminarli sennò ripeto, io il dirigente di industria che controlla il partito non lo posso votare.

19)Togliere alla polizia certi fumogeni cancerogeni vietati da diverse leggi e evitare possibilmente di permettere a certi agenti zelanti di spararli dalle finestre dei ministeri.

20)Non sperare nel futuro, lavorare nel presente affinchè questo paese cambi, iniziando intanto dal dare un lavoro, leggersi l’articolo 1 della Costituzione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: