Scontro tra bigottismi, tra rieducazione e Stato Etico

Campi di rieducazione

Sono a favore del riconoscimento della più alta gamma di diritti per le persone che ancora oggi si trovano in una situazione di disagio a causa delle proprie scelte, delle proprie idee o, in certi casi, della propria forma esteriore.
Ma trovo stucchevoli l’ipocrisia e il modo così disinvolto e volutamente caustico (e fine a se stesso) con il quale le persone – più o meno qualificate, più o meno acculturate, più o meno padrone dell’argomento – affrontano tali problematiche.
Mi preoccupo quando si vuole imporre un pensiero unico alla moltitudine, senza preoccuparsi di spiegarne le ragioni, magari le utilità, quando non ci si sforza neanche di scavare a fondo nel problema e si preferisce spargere un velo superficiale di stigma verso chi pone qualche obbiezione o ha qualche dubbio. Mi preoccupo perché se le persone cominciano a temere di parlar troppo o parlar male di qualcosa, cominceranno a odiare quel qualcosa. Grazie a questi atteggiamenti, secondo me, si è arrivati a sentire da personaggi di dubbia intelligenza l’accusa di lobbismo verso categorie che ancora oggi versano in una situazione di subalternità e disagio.
Una buona intenzione rischia di distruggere dialettica e si smette a priori di ricercare la migliore verità, per paura di essere definito omofobo, sessista, revisionista, antisemita. Si smette di ricercare la verità, si mette a tacere chi mette in dubbio, e si lascia il dubbio ai più spregiudicati, i più in mala fede, a quelli che nella controcorrente ci guadagnano e ci si sfamano.
Per esempio, ci si ritrova a scegliere tra chi ti sta già scrivendo “omofobo” sulla fronte se metti in dubbio l’utilità o la democraticità del recente boicottaggio alla Barilla, e chi si vende come voce fuori dal coro vaneggiando di lobby gay e omocrazie. Insomma non c’è più spazio al libero pensiero, ma solo ad un bi-pensiero veicolato: un gregge spaventato dall’idea di rimanere fuori per una parola sbagliata, nel gulag del sessismo o dell’omofobia, contro una schiera di deliranti complottisti che fanno a gara a chi la spara più grossa.
Caso limpido di ciò che ho appena descritto è il caso del signor Barilla che in un’intervista da Cruciani (strano no?) si sarebbe lasciato andare in dichiarazioni contrarie all’affermazione del diritto alla famiglia per gli omosessuali. Io la vedo diversamente da lui, ma si tratta davvero di dichiarazioni omofobe? No, secondo me è solo espressione di un pensiero liberamente espresso e, forse, anche di un tentativo (forse sconclusionato, forse oculato) di farsi pubblicità persino nell’intervista. Dire che Barilla si rivolge alla famiglia tradizionale, significa dire che Barilla vende, e vuole continuare a vendere, alle famiglie stabili, che a pranzo e a cena buttano la sua pasta nell’acqua bollente. Perché pretendere dal signor Barilla (che magari nella vita è un fervente attivista omofobo, ma più probabilmente è uno dei più grandi imprenditori italiani) una pubblicità “sociale”? Quando esisteranno famiglie stabili composte da coppie omosessuali, e queste verranno considerate normali, avremmo raggiunto un grado sicuramente più alto di civiltà. Allora la Barilla, e non solo, nelle sue pubblicità utilizzerà la famiglia considerata normale, indistintamente da quali che siano i sessi dei genitori. Non solo: probabilmente IKEA o Misura smetteranno di utilizzare il brand “anti-omofobia” per vendere i propri prodotti, e si butteranno su qualche altra idea furbamente filo-progressista per accaparrarsi quella fetta di pubblico che ritengono essere potenziali loro clienti.
Sul come ci si arriverà ad una società senza discriminazioni di genere, di sesso o di orientamento sessuale, io credo che il discorso sia decisamente più complesso e che la strada fin qui percorsa dalle associazioni attive in questo senso sia in gran parte sbagliata.
Leggevo nello stato di un mio amico, su facebook qualche giorno fa, che si parlava in modo leggero e inconsapevole di “rieducazione dell’omofobo”, dicitura tolta, a suo dire colpevolmente, dalla legge anti-omofobia in approvazione in parlamento. Io onestamente di fronte alla parola “rieducazione”, per quanto sia consapevole della sua presenza in costituzione, rabbrividisco. Penso a tutti quegli omosessuali, per esempio, che riempivano i carceri inglesi, i gulag sovietici, i campi nazisti, nell’attesa di essere “rieducati” e penso a quanto sia pericoloso e ironico che proprio oggi si parli di rieducazione di segno inverso. Un mio professore di diritto penale riecheggiava il film “Arancia meccanica” per dare un idea esaustiva di quello che non dovrebbe essere il carattere risocializzante della pena.
L’essenza stessa del reato d’omofobia, sbandierato da alcuni all’insegna della civiltà democratica e del progresso giuridico, è quella di un vero e proprio reato d’opinione, ovvero la punizione a fronte di un idea espressa, una deroga insomma alla libertà d’espressione stessa.
Sono estremi questi che, in assenza di una dialettica libera da timori reverenziali verso questo o quell’indiscusso valore, rischiano di essere sfiorati anche da persone preparate. Se poi il concetto stesso di cos’è omofobico e cosa non lo è diventa un concetto evanescente, il pericolo di stato etico diventa imminente. Un pericolo paradossale se causato e propagato da chi a parole di oppone contro il Vaticano e la morale cattolica e si scopre “diversamente bigotto” e intollerante.
E siccome la morale cattolica è dura a morire così come il pregiudizio omofobico diffuso – che anzi si riattizza di brace nuova di fronte a questo sentirsi minacciato – questa guerra serrata da bigottismi contrapposti (fastidiosi “radical-chic” da una parte, leghisti alla Buonanno dall’altra) non può che essere dannosa a quello che dovrebbe essere l’obiettivo finale: l’uguaglianza dei diritti.

Il caso Barilla e il /pol/itically incorrect

N.d.A.: /pol/ è una board internazionale sulla quale si dibatte, la maggior parte delle volte scherzosamente, a volte anche seriamente, di tematiche di attualità. La regola è parlare il “politically incorrect”, ed accettare gli stereotipi. Per i cuori deboli e gli animi puri c’è la versione seriosa e senza humour, /int/. Ricordatevi sempre che si parla in inglese.
Dalla sincera ammirazione dell’autore per chi ripudia il “politicamente corretto” nasce questo editoriale, che esprime il pensiero dell’autore esattamente come verrebbe da lui espresso al bar, davanti ad un caffé.

Guido Barilla

L’interesse del giorno appena archiviato è stato il dover fare polemica sulla Barilla e sulle parole di Guido Barilla alla trasmissione “La zanzara” di Radio24, la radio del Sole 24 Ore.
Ciò che temo, tuttavia, è che si sia sollevato un polverone inutile perché bisogna fare tutto all’insegna del “politicamente corretto”.

Coinvolto in un discorso di genere sugli spot, in cui è sempre la donna a servire, Barilla si trova a parlare anche di coppie omosessuali: «Noi abbiamo una cultura vagamente differente. Per noi il concetto di famiglia è sacrale, rimane uno dei valori fondamentali dell’azienda. La salute, il concetto di famiglia. Non faremo uno spot gay perché la nostra è una famiglia tradizionale».

Lo sanno benissimo tutti, da decenni, che la pubblicità tipica Barilla è quella della “famiglia Mulino Bianco” (toh, un caso che si dica così? O ci dobbiamo fare uno speciale di Mistero con Adam Kadmon per provare a capire qualcosa e concludere che è un complotto del Nuovo Ordine dei Mugnai di Banderas?), ma si deve per forza rompere i coglioni perché oggi ci si alza dalla parte sbagliata del letto e non va più bene quello che è stato per tutti per decenni, così, all’improvviso.

Le parole di Barilla non sono un’affermazione venuta dal nulla, ma precisa risposta a precisa domanda. Affermazioni schiette, non tentativi di cerchiobottismo o di elusione della domanda alla maniera politichese.
Strano ma vero, e a qualcuno brucerà il culo, però anche da questo si può imparare una cosa: quando rivolgete una domanda a qualcuno, pensate a quale possa essere la possibile risposta. Certe cose, che normalmente una persona non direbbe in pubblico, possono far male se dette al microfono di una radio o di una televisione. Possono far male a chi le subisce, e possono far scatenare polemica per moda alle persone con una certa mentalità di perbenismo di facciata.

La stessa mentalità di quelli che se allo stadio fischi il Balotelli di turno perché pensi che sia fondamentalmente uno stronzo allora sei razzista.
Stessa mentalità di quelle che se dici che gli uomini fanno meglio una determinata cosa, o che non c’è niente di strano o di cui vergognarsi se una donna serve alle persone con le quali vive un piatto di pasta, allora sei un maschilista retrogrado di merda (e puoi anche scordarti che io te la dia fino a quando non mi compri quel paio di scarpe da 594 euro in saldo, tiè).

Questa è gente che non ha un cazzo da fare da quando si sveglia a quando va a dormire e non ha mezzi con cui sfogarsi (sì, c’è l’allusione sessuale, ma se non vi va bene perché siete perbenisti anche voi -e a quel punto, che cazzo ci fate ancora qui a leggere?- pensate a un punchball), nonché spesso e volentieri gente che ti chiedi perché abbia il diritto di voto e di parola.

Che poi quelli che vogliono creare il caso laddove non esista siano sempre i Cruciani, i Travaglio, gli Scanzi, i Gramellini (a tal proposito, segnalo un gruppo Facebook di resistenza ai suoi “Buongiorno” su La Stampa) poco cambia, perché per il popolino la colpa è sempre di chi dice quello che pensa.
Se poi si dice “No, non farei mai fare uno spot a una coppia gay” motivando e viene creato un polverone, la colpa è di questi provocatori che credono di fare i giornalisti (e di farlo bene, ma questo è soggettivo).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: