Sul documento congressuale di Matteo Renzi: dove sono economia, lavoro e scuola?

Bene, ci siamo. Dopo tanto parlare, abbiamo qualcosa di tangibile da cui giudicare le intenzioni del candidato più accreditato alla guida del PD, Matteo Renzi. 

La prima cosa che salta agli occhi leggendo il documento – non è una sorpresa quanto una deludente conferma – è la mancanza di contenuti programmatici. Al solito, quando ci si vuol fare un’idea di quanto affidabile sia una proposta politica, basta andare ad analizzare quanto precisa (o quanto vaga) è tale proposta sugli argomenti di solito più divisivi (alias meno inclini a consensi trasversali). Tradotto: cosa ne pensa Renzi riguardo economia, istruzione e lavoro?

Ne pensa ben poco, il giovanotto. O se pensa qualcosa, ben poco si capisce dal suo documento congressuale “Cambiare verso“. Ma vediamo un po’ più in dettaglio.

Scuola. Uno dei primi punti del candidato Renzi. Il documento congressuale parte dalla constatazione che gli insegnanti sono una delle categorie di riferimento del PD e che, in quanto tale, meritano attenzione. Insegnanti che negli ultimi decenni sono stati messi ai margini, in termini di politiche sociali. Bene. “Il PD che vogliamo cambierà verso alla scuola italiana“. Come? “Dando ascolto alle buone idee“. Si, ma quali idee? Come intendete ascoltarle? “Dando luogo alla più grande campagna di ascolto mai lanciata da un partito a livello europeo“. In pratica, alla domanda “Matteo, che ne pensi della scuola?” Lui ti risponde: “Dimmelo tu”. Fantastico, mi candido segretario del PD allora.

Lavoro. Anche qui, il nostro parte dall’analisi che il mondo del lavoro non guarda più al PD, che è il terzo partito tra gli operai, ecc ecc. Poi si arriva alle proposte, almeno questa è l’intenzione. “Vogliamo cambiare verso al mondo del lavoro.” Come? “Vanno cambiati i centri per l’impiego“. In che modo? Non c’è scritto. “Abbiamo bisogno di una rivoluzione nel sistema della formazione professionale“. Giustissimo, come? Mistero. Qualcosina si dice riguardo il rapporto col sindacato “Va fatta una legge sulla rappresentanza” anche se troppo poco. Come dev’essere questa legge? Vuoi una rappresentanza alla Marchionne, dove chi non firma gli accordi sta fuori? O al contrario, vuoi che anche chi non firmi sia dentro le imprese? Renzi non lo specifica. Renzi continua: “Attenzione a Internet, ha creato 700 mila posti di lavoro in 15 anni“. Bravo, che intendi fare per aumentare questa “attenzione”? Non è dato saperlo. 

Economia. Non pervenuta. Non esiste una sezione “economia” nel documento congressuale di Matteo Renzi. Se egli verrà eletto Segretario, allora potremo a ragione sostenere che anche il PD, dopo il M5S (curioso, anche il programma dei grillini non contiene proposte sull’economia), ha rimosso il tema dell’economia dalla propria piattaforma programmatica. Abbiamo un Paese in recessione ormai da quasi un quinquennio e le principali forze politiche di economia non pensano niente. Sarà che le due cose hanno qualche correlazione?

Insomma, finiamo con una speranza: che Matteo Renzi in qualche ritaglio di tempo libero tra corsa alla segreteria del PD, corsa alla premiership e lavoro al Comune di Firenze possa correggere la sua rotta in tempo e spiegarci finalmente quali programmi ha per il Paese, prima ancora che per il PD. Perchè, con tutta sincerità, non s’è capito.

Giovani rivoluzionari, giovani vecchi

Sabato sera, ho appena accompagnato la mia ragazza a casa, non esco, in giro c’è troppo traffico e mi stanco di cercare un posto tranquillo per bere una birra e affrontare una discussione su un qualsiasi tema che stimoli il mio cervello. Torno a casa, scendo dall’auto, fa molto caldo, in testa ho mille pensieri che si affannano ad essere i primi ad essere affrontati. Premo il pulsante delle chiavi e spengo la macchina, cammino verso il cancello del palazzo. Ragiono un po’ sulle cose da fare, da dove partire, ho in mente il fatto che da questa settimana si ricomincia a lavorare a pieno regime. No, non lavoro, sono disoccupato, quel verbo lo uso quando intendo riferirmi al lavorare con i miei compagni e compagne, fratelli e sorelle per cambiare il mondo. Prendo l’ascensore, mi guardo allo specchio e penso che quegli istanti potrei passarli in maniera diversa, potrei trascorrerli svuotando la mia mente e divertendomi, potrei andare a cazzeggiare da qualche parte, in discoteca, in un qualche pub e ubriacarmi. Sono giovane, avrei l’alibi morale per farlo. Ma poi penso che alla fine, dopo aver passato decine di serate del genere, cosa ho fatto per cambiare il mio presente? Al massimo mi sarei guadagnato un punto in più per una cirrosi epatica.

No, stavo ironizzando, non sono così moralista, bevo quando posso e quando ne ho voglia, ma non lascio che questo mondo vada a farsi fottere.

Nel frattempo sono arrivato, apro la porta di casa, poso la mia roba nella stanza, accendo il pc, vado a bere dell’acqua. Mia madre dorme sul divano con la tv accesa su rai 3, c’è un’intervista ad un ragazzo veneto tra i campi della pianura padana. No, scherzo, però erano campi, forse i suoi. Dice di lavorare lì, ha lasciato l’università e ora coltiva, la sua grande passione. La mia prima reazione è quella di essere contento, alla fine ha trovato il suo posto nel mondo. Verso l’acqua nel bicchiere e ad una domanda sul futuro della sua generazione, cioè la mia, cioè quella di milioni di ragazzi e ragazze, sento dire qualcosa che mi turba profondamente, come se in quel momento ci fosse la Mercegaglia in tv, oppure la Fornero, ma con 40 anni in meno; il ragazzo dice: “Noi giovani dobbiamo abituarci al fatto che non è un diritto il posto fisso”. Come un lampo, improvvisamente mi è venuta in mente una frase di Salvador Allende, Presidente cileno morto ammazzato dopo un colpo di Stato foraggiato dagli Stati Uniti, una citazione: “Essere giovane e non essere rivoluzionario è una contraddizione perfino biologica”. In quel momento ho sentito sulle mie spalle tutto il peso che la cultura neoliberista ha impiantato in questo Paese, “il lavoro non è un diritto”, sebbene sia scritto con il sangue dei partigiani sulla Costituzione (poi potremmo affrontare un discorso su cosa sia oggi il mercato del lavoro, in molti casi è meglio essere disoccupati). Poi allontanandomi dalla cucina, sono tornato nella mia stanza, dove ho appeso la mia bandiera rossa, vicino a quella palestinese, ho pensato al fatto che una generazione che non brama il mondo, che non vuole tutto, è una generazione triste e piegata, pronta ad accettare sempre il compromesso che il più forte di turno gli impone. Una generazione di giovani vecchi, che però fanno male al mondo. Ne ho tanti di amici che non si impegnano in politica oppure ne sanno poco, ma hanno sempre il sogno di una realtà migliore, di un presente più stabile, nonostante non siano interessati ai balletti della nostra politica.

Allora io, in quel momento, mi sono sentito male. Perché non ce la faccio ad immaginare un ragazzo di vent’anni che parla come la Mercegaglia, mi intristisco, perché uno a vent’anni deve reclamare il mondo, cambiarlo, trasformarlo, rivoluzionarlo! Poi a quaranta, dopo aver conquistato con la forza il suo futuro, deve difenderlo dagli attacchi dei giovani vecchi che nel frattempo sono diventati vecchi vecchi. Ed infine a sessanta, dopo aver difeso con tutta la sua forza il mondo trasformato, dopo aver appreso, conosciuto, amato, visto e sentito, deve tramandarlo ad un nuovo giovane rivoluzionario, affinché il cerchio si chiuda e possa essere infinito.

Ecco quello che dovremmo fare. Cercare di rivoluzionare questo mondo per renderlo più umano e più giusto.

 

Caro autunno ti aspetto.

Dopo l’estate più calda della mia vita mi aspetto l’autunno più caldo della mia vita.

Chiaro, in Italia le cose non vanno proprio molto bene, dagli operai che si arrampicano sui silo, chi scende in una miniera minacciando di far saltare tutto in aria con il tritolo, con i Precari della scuola che subiscono l’ennesima beffa, con le tariffe che aumentano e i salari che restano fermi. Per non parlare degli studenti che per entrare in un corso a numero chiuso sarebbero pronti a mordersi la giugulare e questo è un aspetto molto importante per capire come ha influenzato la mente la competitività e che impatto ha avuto il neoliberismo. Ma a prescindere da ciò, i sintomi ci dicono che l’Italia è malata. Questa malattia va curata e di certo non mi aspetto di vedere un Passera, un Napolitano, un Monti, una Fornero, un Grillo insultante affrontare con serietà determinati problemi che questo paese ha. Per il semplice motivo che le cure che vengono date sono quelle che ci hanno portato in crisi, niente pubblico, più privato, meno Stato, più imprenditori alla Marchionne, smantellamento dei diritti. Peccato che gente come Marchionne stia portando al fallimento settori importanti per l’Italia. Parliamo della Fiat? Meglio non infierire, ma la ricetta di quello lì con il maglioncino ha semplicemente fallito. Qualcuno dirà che Marchionne è intervenuto per salvare la Fiat, bene, più o meno vero, ma il crollo delle vendite ci dice che la sta facendo fallire. Qualcuno poi dovrà spiegarmi cosa significa meritocrazia. Se meritocrazia significa che uno laureato in filosofia si mette ad amministrare la Fiat, che non certo produce editoriali su Kant, beh c’è qualche problema sull’idea di questa benedetta meritocrazia. Ora non sto qui a discutere della politica industriale (?) che viene fatta in Italia, ma sicuramente questo è un tema caldo che quest’anno torna con forza.

Il nostro Paese poi è fantastico, lavoriamo, reclamiamo il diritto al lavoro, ma poi otteniamo il diritto allo sfruttamento. Ora, non è che non voglio lavorare, anzi, se lavorassi mi pagherei gli studi, ma semplicemente mi stanca il ricatto: O lavori a queste condizioni o non lavori. Il più delle volte non lavori e questo è un dato di fatto. Ma “quelle condizioni” sono: contratto precario, lavoro nero, contratto a chiamata quando ci vado ogni giorno… contratti di qua e contratti di là. Intanto lo sfruttato sono io e magari mi sento dire che non ci sono abbastanza forme contrattuali precarie perché manca flessibilità in entrata. Allora, partendo dal presupposto che ci sono più di 40 forme contrattuali e la riforma del Ministro Fornero aumenta solo la precarietà, partendo dal presupposto che vengo sfruttato e pure sottopagato, partendo dal presuppostochemòvimandounpo’afanculo direi che quest’autunno non può che essere caldo.

Qualcuno un po’ più saggio di me, però, una volta mi ha detto che se pongo un problema devo offrire la soluzione, altrimenti è solo protesta fine a sé stessa. Mai più parole furono rivelatrici per me, infatti, oggi, posso dire che se l’Italia volesse mai uscire dalla crisi può solo ripartire da alcuni settori: Investimento nell’istruzione pubblica per creare una classe dirigente intelligente e preparata, politica industriale che si basi sull’aumento dei salari, nell’investimento nella ricerca e sviluppo, taglio alle spese folli: Spese militari, soldi pubblici agli istituti scolastici ed universitari privati. Ma poi bisogna rivalutare il pubblico e potenziarlo, aiutarlo a crescere.

Mi aspetto, anzi mi auguro, che quest’anno tutti insieme si possa lavorare per riprenderci il mondo che ci è stato rubato.

Vorrei solo un mondo diverso, più umano. 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: