Riflessioni al telefono

Leggendo un editoriale comparso oggi su Linkiesta circa la questione delle telefonate di Napolitano, ho ritenuto di fare qualche riflessione del tutto personale, da semplice allievo di Zagrebelsky e non da giornalista tuttologo e/o polemizzante.
Siccome credo che la vicenda sia chiara ai più, evito di ripeterla e passo al dunque.

Art. 90.

Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione.

In tali casi è messo in stato di accusa dal Parlamento in seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi membri.

Napolitano e Mancino si telefonano. Quella telefonata, mi chiedo, rientrava nelle funzioni del Presidente della Repubblica?

Art. 87.

Il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale.

Può inviare messaggi alle Camere.

Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione.

Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo.

Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti.

Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione.

Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato.

Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i trattati internazionali, previa, quando occorra, l’autorizzazione delle Camere.

Ha il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa costituito secondo la legge, dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere.

Presiede il Consiglio superiore della magistratura.

Può concedere grazia e commutare le pene.

Conferisce le onorificenze della Repubblica.

Costituzione alla mano, non essendo Nicola Mancino un componente del Governo, lo escluderei. Dunque, quella telefonata è una telefonata tra privati. Entra allora in gioco un altro articolo della Costituzione.

Art. 15.

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.

La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.

Va però considerato anche che, data la carica di Giorgio Napolitano, è plausibile che i telefoni del Quirinale siano sottoposti a periodiche intercettazioni al fine di evitare i casi di “alto tradimento o attentato alla Costituzione” previsti dall’articolo 90.

Quelle ricostruzioni che vengono abbozzate da Panorama, Di Pietro e altri – ammesso che siano vere – parlano di giudizi sul pool di Palermo, su Di Pietro e su Berlusconi. Passino gli ultimi due, ma per le prime abbiamo l’anormalità che siano pronunciate da colui che allora era Presidente della Camera, ed ora è anche Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, l’organo che dovrebbe garantire l’indipendenza della magistratura dalla politica, e che può disporre sanzioni disciplinari e trasferimenti dei magistrati stessi.
Ora, senza voler lanciare accuse precoci, ma è come se il mio datore di lavoro parlando con un quadro dicesse che non gli piace quello che faccio. Io, una volta venuto a saperlo, mi sentirei quantomeno in odore di trasferimento, se consapevole di essere il primo ad essere tagliato in caso di esubero del personale.
Il fatto che il commento sia stato fatto nei confronti di chi indaga sulle stragi di Capaci e via D’Amelio e sulla trattativa Stato-mafia lascia sorgere più di un sospetto.

Se la Corte Costituzionale, come previsto da Zagrebelsky, darà ragione a Napolitano nel conflitto sollevato con la Procura di Palermo, cosa vorrà dire? Che il Quirinale non sarà più intercettabile. Che il Presidente della Repubblica, chiunque esso sia, Napolitano ora ed il suo successore tra pochi mesi, potrà dire al telefono quello che vuole, con la sicurezza di una sentenza della Consulta a garantirgli l’intoccabilità, in barba all’articolo 90.
Personalmente, rabbrividisco all’idea di un Berlusconi al Colle. Ciò rappresenterebbe per lui un’impunibilità certa fino all’età di 84 anni, mese più mese meno.

Ma l’altra cosa che mi preoccupa è un altro articolo della Costituzione, il 24.

Art. 24.

Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi.

La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.

Sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione.

La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori giudiziari.

Chi tutela l’interesse legittimo del cittadino italiano a sapere chi c’è dietro la morte di Falcone e Borsellino, se c’è stata – e io credo che ci sia stata – la trattativa tra Stato e mafia, eventualmente che prezzo abbiamo dovuto pagare – e stiamo ancora pagando – per la fine delle stragi?
Di certo, non questo Presidente della Repubblica.

Mi chiedo, a questo punto: signor Napolitano, non sta compiendo un attentato alla Costituzione?

Non sono Stato io.

Non siete Stato voi che
trascinate la nazione dentro il buio
ma vi divertite a fare i luminari.

Non siete Stato
voi che rimboccate le bandiere sulle
bare per addormentare ogni senso di
colpa.

Non siete Stato voi che
brindate con il sangue di chi tenta
di far luce sulle vostre vite oscure.

Non siete
Stato voi, servi, che avete noleggiato
costumi da sovrani con soldi immeritati,
siete
voi confratelli di una loggia che poggia
sul valore dei privilegiati
come voi
che i mafiosi li chiamate eroi e che
il corrotto lo chiamate pio
e ciascuno
di voi, implicato in ogni sorta di
reato fissa il magistrato e poi giura
su Dio:
“Non sono stato io”.

Non trovo parole migliori di quelle di CapaRezza per introdurre qualche pensiero sulla vicenda che coinvolge il Quirinale nell’ambito delle (presunte) trattative Stato-mafia intorno al 1992.

Sì, la mafia, quella che qualche stronzo di un senatore dice che non esiste, quella che quei rappresentanti dello Stato accettano, quella che ha ucciso e isola chi la combatte.
Perché Marcello Dell’Utri, noto come “lo stalliere”, accusato e condannato (poi assolto) per reati di mafia, un vero ed autentico mafioso (lo dicono le sentenze, non io), ha detto ironizzando – forse non troppo – che è lui il colpevole della morte di Paolo Borsellino, anzi lui e Berlusconi.
E non che risulti incredibile. Un tentato estortore e calunniatore con concorso esterno in associazione mafiosa (queste le accuse) e frodatore fiscale (per ammissione con il patteggiamento), negli ambienti mafiosi dalla fine degli anni ’60, perfetto tramite tra Cosa Nostra ed un imprenditore edile-televisivo con qualche problema con la giustizia, sarebbe il personaggio perfetto per avere un ruolo chiave nell’omicidio di Borsellino.

Sarò malpensante io, ma se vado a vedere gli anni 1992-1993… Presidenti della Camera Nilde Iotti-ScalfaroNapolitano, Presidenti della Repubblica CossigaScalfaro, Presidente del Senato Spadolini, Presidenti del Consiglio AndreottiAmato-Ciampi. Qualcuno di loro sa qualcosa, sicuramente. Sicuramente anche qualcuno tra gli ex ministri Martelli, Mancino ed altre figure che si sono ripetute in quei governi.
Fa bene Ingroia ad indagare, a cercare di fare luce su avvenimenti che probabilmente resteranno senza una risposta “ufficiale” così come piazza Fontana, Brescia, Ustica, Bologna. Quello che mi viene da pensare è che si stia cercando di difendere in tutti i modi, conflitto di attribuzione incluso, un gruppo di potere trasversale, che oggi si trova senza dubbio almeno nella cosiddetta “coalizione Monti” e che dagli accordi con la mafia trae forza elettorale e legittimazione attraverso il voto. D’altronde, ci sono “mafiosi” a governare regioni (Lombardo e Bassolino), in Parlamento (Dell’Utri su tutti), e noi continuiamo a votarli.

Anche in Cosa Nostra sono cambiate solo le facce, da Riina a Provenzano a Messina Denaro, ma la sostanza di connubio con parti dello Stato è ancora quella, intatta, da decenni.

Alla fine di questi pensieri, che cosa ne ho ricavato? Che da troppo tempo abbiamo personaggi – sempre gli stessi – che ci dicono “Non sono stato io”. È vero, signori miei: non siete Stato, voi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: