Il paese delle emergenze (e della poca memoria)

Ieri sera ho avuto modo di marciare, insieme ad altre mille persone, lungo le strade della mia città.
L’occasione era unica, densa di significati, storici ed emotivi.
Una marcia contro la violenza, organizzata il 23 maggio, a 20 anni dalla strage di Capaci, ma anche a pochi giorni dall’attentato di Brindisi.
Quest’ultimo, devo dire, ha dato una bella scossa alla classe studentesca.
Una classe che ora si sente sotto attacco, nel mirino di un nemico invisibile: la mafia, l’eversione, il folle.
Forse, nel momento in cui ha saputo, ogni studente si è immedesimato in Melania Bassi, ha pensato che ogni giorno anche lui varca la soglia della sua scuola, ha pensato che quella bomba avrebbe potuto colpire anche lui.
Nel momento in cui ho visto molti studenti (e anche molti cittadini) ricordare le vittime di Capaci e anche Melania Bassi, ammetto che ho avuto un barlume di ottimismo, la speranza che questo ricordo potesse trasformarsi in difesa, strenua e continua, della legalità.
Poi, nel pieno dell’estasi ottimista, mi è piombato tra capo e collo il discorso del sindaco che, tra le altre cose, ha solennemente annunciato che il centro diurno per anziani che inaugurerà a breve (pubblicità!) verrà dedicato a Melania Bassi.
Le mie convinzioni mi portano a pensare che se il sindaco avesse dovuto inaugurare un depuratore avrebbe dedicato pure quello alla povera Bassi.
Andando oltre, mi rimane una considerazione, amara.
L’Italia è, forse da sempre (o forse da qualche anno), il paese delle emergenze.
È un paese che vive sulla propria emotività, non sul ragionamento, non sulla memoria, non sulla logica.
Siamo il popolo che, non fosse stato per Fukushima, oggi forse avrebbe centrali nucleari (in costruzione, ovviamente) e acqua privatizzata, senza capire neanche come.
Siamo pur sempre quelli che ricordano ogni anno le vittime del razzismo nazifascista (e in particolare della Shoah), ma continuano a guardare in maniera diversa, con schifio o con falso senso di pietà, immigrati, disabili, omosessuali, lesbiche, rom e tutto quello che esula dal nostro ideale italico.
Siamo un paese senza memoria anche quando la memoria ci viene sbattuta in faccia; quando vediamo gli sceneggiati su Sacco e Vanzetti, ci indigniamo, pensiamo a quanto erano “cattivi” gli americani con i poveri immigrati italiani, pensiamo al fatto che eravamo il caprio espiatorio di tutti i loro mali.
E poi facciamo la stessa cosa con chi ci raccoglie i pomodori, ci gestisce (spesso a tempo pieno) gli anziani, ci pulisce casa.
Ma d’altronde, ci è sempre piaciuto il modello americano.
Ci piace intitolare strade, monumenti, centri diurni per anziani, mettere un nome, porre un simbolo.
Poi però nel momento in cui percorriamo quella strada, osserviamo quel monumento, siamo persone totalmente diverse da quelle delle folle indignate e commosse dopo le stragi.
Siamo, forse, tutto quello che vorremmo combattere.
E rimarremo tali, finchè non recupereremo, permanentemente, la nostra memoria.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: